L'iscrizione può essere disdetta in qualsiasi momento, seguendo le istruzioni riportate in calce ad ogni newsletter.

Chiudi Chiudi

Chiudi Chiudi

Perhentian (Malesia), il finale

Perhentian (Malesia), il finale

Località: Asia, Malesia

Terminiamo il racconto iniziato in Laos, quest'anno si fa sul serio! e seguito da Cambogia, tri fo uan dolah, ricordando che le uniche cose autentiche sono le note.

“Signore, lei dovrebbe usare una crema solare protettiva. Ha tutta la schiena bruciata!” disse la graziosa massaggiatrice malese che stava prendendosi cura di Greg sulla spiaggia.
“Anzi dovrebbero farlo anche i suoi amici.” continuò riferendosi a Barney, Annushka e Klaudija che stavano subendo lo stesso trattamento da altre 3 massaggiatrici.
“Delle piaghe che abbiamo sulla schiena dobbiamo essere grati a quel vecchio puttaniere che sta sotto di lei signorina, altro che crema solare! Di una tuta di amianto avremmo avuto bisogno!” ribatté Klaudija.
“Maledetto pazzo bastardo, non potevi aspettare che ci allontanassimo ancora un po’ prima di far detonare le cariche?” urlò Barney che si trovava coricato sul lettino più lontano.
“Avevo voglia di fumare e non avevo da accendere.” rise Greg a pancia sotto mentre stava giocherellando con un velenosissimo serpente verde delle Perhentian[1], che casualmente stava passando di lì.
“Devo ammettere che mi ero sbagliato sulle teste quadre del nostro quartier generale,” continuò “averci mandato un bravo incursore della marina come Klaudija è stata una grande idea, altrimenti non avremmo mai potuto recuperare la scatola nera dal fondo del mare.”
“E soprattutto non avremmo potuto concludere in bellezza in questo meraviglioso resort[2].” aggiunse Annuska.
“Parole sante.” concluse sonnecchiando Klaudija.

Spiaggia

“Signore?! Una telefonata per lei.” disse il giovane cameriere malese che se ne stava impettito sotto il sole porgendo un cordless a Greg.
“Ecchecavolo! Proprio adesso?!” Greg afferrò scocciato il telefono “Pronto chi rompe? Come? Un’altra missione? Sissignore, lo faremmo volentieri...” disse estraendo dalla borsa la memoria flash della scatola nera e lanciandola a Barney. Questo fece un paio di palleggi con il mattoncino di silicio e poi con un calcio degno di un centrocampista lo tirò in alto mare.
“...è che al momento abbiamo alcuni problemi con il recupero. Sissignore, non si preoccupi, non appena completeremo la missione la chiamerò immediatamente. Sissignore, buona notte anche a lei.” riagganciò il telefono “Coglione! Qui in paradiso sono le 10 mattino!”

newsletter

Questo non è il sito di un tour operator, è semplicemente il blog di un fotografo con la passione per i viaggi. Ti garantisco che non mando spam, anzi è esattamente il contrario, se spedisco un paio di e-mail all'anno è tanto, sai com'è, il tempo è poco...
Beh che aspetti ancora? Iscriviti alla newsletter e iniziamo a viaggiare assieme...

Galleria Fotografica del Viaggio
1/82/83/84/85/86/87/88/8
Clicca sull'immagine per vedere la successiva
Pulau Perhentian Besar

Pulau Perhentian Besar

Gibboni nella giungla.

Vedi anche

Cambogia, tri fo uan dolah

La squadra del capitano Greg si sposta in Cambogia, dandoci la possibilità di ammirare le meraviglie di Angkor Wat.

Laos, quest'anno si fa sul serio!

Appassionante racconto di spionaggio nelle foreste del Laos. Conosciamo assieme al capitano Greg l'eccezionale ospitalità di questo popolo.

Sei il lettore numero 21.622.

Commenti e domande

Articolo precedente

Articolo precedente

Maldive, zero fazzoletti

Articolo successivo

Cambogia, tri fo uan dolah

Articolo successivo
Viaggio in Borneo
Privacy
© Copyright Andata/Ritorno 2006-2020

Infrared CMS v.7.8.4.0 by Idea R

Torna all'inizio