L'iscrizione può essere disdetta in qualsiasi momento, seguendo le istruzioni riportate in calce ad ogni newsletter.

Chiudi Chiudi

Chiudi Chiudi

Il Perù da zero a 5000

Il Perù da zero a 5000

Data del viaggio: Agosto 2017
Pubblicato il 01/04/2018
Località: Americhe, Perù

Sapete qual è stata la cosa più difficile del nostro lungo viaggio in Perù?
Trovare il titolo per questo racconto.
È arduo infatti sintetizzare in poche parole l’enorme varietà di paesaggi, di culture ed attrazioni turistiche che offre questo paese. Cercare di riassumere tutto con ad esempio “La terra degli Inca”, coglierebbe solo uno dei molteplici volti del Perù.
Se lo conoscete fatelo sapere anche a me, ma io non riesco a trovare su questo pianeta nessun altro luogo che offra spiagge, giungla, deserti, vette, siti archeologici, megalopoli e villaggi tradizionali tutti all'interno della stessa nazione.
Per non parlare degli avvistamenti faunistici! 
Ditemi un posto al mondo dove trovare sia caimani che condor, se non addirittura pinguini e balene.

I condor nel Canyon del Colca

Spero in questo racconto di viaggio di sorprendervi con luoghi incantevoli che nemmeno io mi aspettavo, fino a che non li ho visti coi miei occhi: il Perù è molto di più della solita cartolina da Machu Picchu.

Troverete poi alcuni consigli fondamentali all'organizzazione di un viaggio come questo, fidatevi, potrebbero fare la differenza.
Partiamo dunque dal livello del mare ed esploriamo assieme il Perù a quote crescenti, come se fosse una gustosa torta a strati.

Zero: la Foresta Amazzonica

Casomai aveste dubbi se includere o no la Foresta Amazzonica come tappa nel vostro viaggio in Perù, vi raccomando caldamente di farlo. Se avete letto altri racconti su questo blog, sapete che ho girato le foreste pluviali di mezzo mondo (il Borneo indonesiano ad esempio) e vi garantisco che quella peruviana non ha niente da invidiare alle altre.
Sui fornitissimi scaffali di questo supermarket zoologico, troverete caimani, otarie, capibara, primati, tapiri, bradipi, tartarughe, tarantole, serpenti e soprattutto uccelli di tutti i colori. E guardate bene che non sto facendo come molte guide illustrate che elencano gli incontri potenziali, ma poi quando arrivi sul posto se vedi una lucertola sei fortunato. Gli animali che ho citato li ho visti e immortalati, a testimoniarlo c’è la galleria fotografica in calce al racconto.

Il caimano nero

Fa eccezione il bradipo, l’abbiamo avvistato su un albero, ma tempo di prendere la macchina fotografica e quello se ne era già andato.
Doveva capitare proprio a me il bradipo più veloce del mondo?!

In Perù avete due possibilità per addentrarvi nella Foresta Amazzonica:

  • Partendo da Iquitos raggiungere la Riserva Nazionale di Pacaya-Samiria.
  • Partendo da Cusco visitare il Parque Nacional del Manu.

Abbiamo scelto la seconda opzione, il Parque Nacional del Manu, perché molto più agevole dal punto di vista logistico: il tour parte da Cusco e se ci dedicate un numero sufficiente di giorni (nel nostro caso sette) vi permette di raggiungere anche la Zona Reservada del parco, cioè quella più remota dove l’accesso turistico è limitato e mantenuto ad un livello sostenibile.
Il problema di Iquitos invece è che si trova fuori da qualsiasi percorso turistico, per raggiungerla non esistono strade o ferrovie, solo l’aereo. Da quello che ho sentito dire la zona promette avvistamenti considerevoli, ma la nostra guida/indio mi ha riferito anche di grossi problemi di inquinamento fluviale.

Dal canto mio posso riferivi dell’ottima esperienza che io, mia moglie Sara e mio fratello Boris abbiamo avuto con Bonanza Tours: in una settimana abbiamo navigato placidamente sul Rio Madre de Dios raggiungendo luoghi veramente selvaggi.

Il Parque Nacional del Manu

L’organizzazione non ha lasciato nulla al caso, ci hanno fornito gli indispensabili stivali di gomma e su richiesta binocoli e sacchi a pelo (N.d.A. ringrazio Air France per aver perso il mio che avevo comprato prima di partire e non avermi risarcito nemmeno un euro).

2430 metri: brividi di paura a Machu Picchu

Saliamo di quota e dopo la prima settimana di viaggio nella Foresta Amazzonica si uniscono a noi gli aracnofobici Pesa, Stefano e Tecla (dovrò pure prenderli in giro un po’).

Per raggiungere Machu Picchu, il più famoso sito archeologico del Perù (e probabilmente del mondo), non ci sono strade, si può andare solo in treno o a piedi lungo il famoso Inca Trail. Inutile dire che noi abbiamo scelto il comodissimo (e carissimo) treno, dotato di vetri anche sul soffitto per godere appieno dei vertiginosi paesaggi.

La Valle Sacre degli Inca

Se vi state domandando la ragione dei “brividi di paura” del titolo, prestate attenzione, perché sto per darvi il consiglio più importante di tutto il viaggio.

Durante l’organizzazione delle vacanze avevo letto che era imperativo prenotare il treno per tempo e dunque già 4 mesi prima avevamo versato 200 euro por persona per assicurarci i biglietti Perurail. Mentre il nostro treno correva felice e spensierato lungo la Valle Sacra degli Inca, una tremenda consapevolezza si manifestava progressivamente: avremmo dovuto prenotare anche i biglietti di accesso al sito archeologico.
Tutte le voci di corridoio e le notizie allarmistiche che nel frattempo ci giungono dall’Italia, dicono che solo un numero ristretto di turisti è ammesso giornalmente al sito… panico!

Tentate di immaginare a che livelli è salito lo sconforto quando una volta giunti sul luogo ci siamo accorti che non c’era una, ma bensì tre file chilometriche!

  • La prima, praticamente immobile, era per comprare il biglietto di accesso. Tenete presente che alle 9 quando siamo arrivati, il turno di visita del mattino era già esaurito.
  • La seconda era quella per comprare il biglietto dell’autobus che da Aguas Calientes sale a Machu Picchu.
  • La terza infine era quella per prendere il suddetto autobus. Giusto perché non pensiate che dico balle, date un’occhiata qui sotto alla foto della fila (continua anche in fondo dietro alla curva).

Una delle file a Machu Picchu

La nostra fortuna è stata che eravamo in sei, dunque abbiamo potuto affrontare le 3 file contemporaneamente e non sequenzialmente. Quando in una fila ci chiedevano i passaporti (che magari in quel momento erano in un'altra fila) o i biglietti (che ancora non avevamo), gli sciorinavamo una bella supercazzola, degna del miglior conte Mascetti.
Dopo 3 ore di fila e angoscia, alle ore 12:00 abbiamo valicato le porte di Machu Picchu, tutto è bene quel che finisce bene.
I dettagli della suggestiva visita li lascio alla vostra immaginazione…  

Machu Picchu

3399 metri: Cusco a forza di mate de coca

Chiunque ci sia mai stato, vi confermerà che Cusco è la più bella città del Perù.
Autentica architettura coloniale, suggestive viuzze che si inerpicano in salita, vivace vita notturna e aria pulita… o meglio rarefatta.

Cusco

È molto soggettivo, ma qui bene o male avrete le prime esperienze con l’alta quota e i suoi effetti collaterali, tra cui emicrania (Sara e Tecla), giramenti di testa (io) e mancanza di fiato anche per fare una ridicola salitina (tutti). Il sospetto che il trapasso non sarà indolore vi verrà non appena arriverete all’aeroporto di Cusco e vedrete la cosa più strana e incredibile della vostra esperienza di viaggatori. 

Ora ve lo dico, ma sono sicuro che non mi crederete: mentre in qualsiasi altro aeroporto del mondo controllano con i cani che voi non introduciate droghe, all'aeroporto di Cusco ve le regalano. Ai gate di sbarco troverete ceste piene di foglie di coca offerte dall'Ente Turistico.

Sapevo benissimo prima di partire che qui le popolazioni masticano foglie di coca come aiutino per sopravvivere in quota, ma pensavo fosse una cosa tollerata dalla legge solo nel loro caso. Invece le foglie di coca sono dappertutto, ogni lobby di hotel le mette a disposizione assieme all'acqua calda per farsi il mate de coca. Per non parlare di torte alla coca, biscotti alla coca, caramelle alla coca e tutta una serie di strane erbe che la gente sniffa mentre cammina.

E anche noi, dopo i primi fiatoni e giramenti di testa, non ci siamo fatti pregare…

Il 99% dei turisti viene a Cusco per prendere il treno per Machu Picchu, ma vi consiglio di riservare almeno un giorno per visitare i dintorni. Ci sono moltissimi siti archeologici, Pisac e i suoi terrazzamenti da torcicollo non hanno niente da invidiare al più blasonato Machu Picchu e c’è molta meno gente.

Pisac

Da non perdere anche Ollantaytambo, un caratteristico paesino ai piedi di un ripido sito archeologico.
Concludete con una visita ai misteriosi cerchi di Moray e fate qualche foto alle saline di Las Salineras.

Consigli per gli acquisti a Cusco

Se per pranzo siete in vena di stranezze, avete presente quei dolci e paffuti animaletti da compagnia, chiamati porcellini d’India o anche cavie peruviane? Se al ristorante vi servono cuy, adesso sapete cosa state mangiando.

Cuy

A Cusco troverete moltissimi bei negozi di prodotti in alpaca, la pregiata e morbida lana dell’omonimo camelide andino. Mentre in Italia un berretto di alpaca lo vendono da Tiffany, qui i prezzi sono molto più accessibili. Se però volete fare un vero affare, recatevi nel paesino di Chinchero dove potrete acquistare ottimi articoli prodotti a mano dalle signore del luogo, che tutt'oggi lavorano i filati alla maniera tradizionale.

Il ristorante Limo a Cusco è sulla bocca di tutti, qualsiasi persona ve lo consiglierà. Di fatto è carissimo rispetto alla concorrenza. Per quanto riguarda il cibo è innegabilmente ottimo, però secondo me per compiacere i turisti hanno un menu troppo fornito. A parte il fatto che quando al ristorante mi danno un menu che ha lo spessore del primo volume dell'enciclopedia Treccani, mi passa la voglia di mangiare, ma mi fa strano in un ristorante tipico di cucina peruviana, vedere nei tavoli attorno gente che mangia anche pizza o sushi.

Tierra Viva è l’onnipresente catena alberghiera peruviana a cui ci siamo affidati in varie tappe; il Tierra Viva Cusco Centro è stato il miglior hotel della catena in cui abbiamo soggiornato, è un bellissimo edificio coloniale in pieno centro, le stanze che danno sul patio interno sono enormi. Ve lo consiglio vivamente!

Qui come nel resto del reportage, tutti i posti che cito li potete trovare piazzati con precisione maniacale nella cartina geografica interattiva in testa al racconto. Vi potrebbe essere molto utile una volta giunti sul posto per identificarli.

4110 metri: un lago da togliere il fiato

Alziamo l’asticella e passiamo al livello di difficoltà successivo.
A metà strada tra l’aeroporto di Juliaca e la città di Puno, si trova il centro funerario precolombiano di Sillustani. Non ricordo niente di più faticoso nella mia vita, che fare a piedi quei soli 30 metri di dislivello dal parcheggio al sito archeologico.

Sillustani

Il piccolissimo centro storico di Puno si sviluppa lungo una iper-turistica strada pedonale, zeppa di ristoranti da cui la sera escono le note dei musici andini.
A Puno però non si viene per far aggravare il proprio mal di testa d’alta quota con le incessanti percussioni peruviane, qui il pezzo forte sono le escursioni sul lago Titicaca.
Alla gita vi conviene assegnare almeno 2 giorni, così potrete sperimentare l’ospitalità di qualche famiglia per la notte. Dopo aver visitato le famosissime Islas Uros, quelle artificiali galleggianti per intenderci, ci siamo diretti all'isola di Amantanì dove abbiamo avuto la possibilità di battere ulteriormente il nostro record d’altura. Tecla ha rinunciato, Sara, Stefano e Pesa, eroici hanno affrontato la salita a piedi, mentre io e Boris abbiamo scelto una comoda salita a cavallo.
Il tramonto sul lago che abbiamo goduto da 4110 metri s.l.m. valeva lo sforzo… degli altri appunto.

Click! Foto ricordo e si torna giù tutti a piedi.

Il tramonto sul lago Titicaca

Nel frattempo in paese si animava una festa popolana, che con l’oscurità si è trasformata in un falò propiziatorio dove venivano dati alle fiamme tori di paglia. Dopo aver cenato presso la famiglia che ci ospitava, vestiti di tutto punto con gli abiti tradizionali, siamo andati a danzare alla festa di paese.

Dove abbiamo trovato le forze per farlo è un mistero ancora oggi.

La festa ad Amantanì

Il giorno successivo è toccato all'isola di Taquile, lì purtroppo niente cavalli però devo dire che facciamo sempre meno fatica ad affrontare ste salite, probabilmente ci staremo acclimatando. Curioso è lo scambio di “biglietti da visita” che ho notato sul posto: praticamente tutti girano con una borsetta piena di foglie di coca fissata alla cintola e quando si incontrano, come convenevole si scambiano un po’ di foglie. Posso capirli.

Consigli per gli acquisti a Puno

Il Cafe Bar de la Casa del Corregidor è una vera oasi di pace, non si ha questa costante sensazione di essere soffocati dalle attrazioni turistiche. È dotato di un patio interno colorato e tranquillo e i piatti tipici sono gustosi. Il vero problema è che è tutto un po’ claustrofobico, il locale è piccolissimo e i tavoli all’interno sono molto sacrificati. Io lo consiglierei solo per uno spuntino/aperitivo, durante la cena non mi piace aver i gomiti degli altri in bocca.

Sopra al locale si trova All Ways Travel, l’agenzia a cui ci siamo appoggiati per il tour di due giorni sul lago Titicaca.

Per dormire ci siamo affidati nuovamente ad un hotel della catena Tierra Viva, cioè all’Hotel Tierra Viva Puno Plaza. Dopo essere stati al Tierra Viva Cusco Centro avevo le aspettative alte ma, sarà che quanto a fascino la città non può minimamente competere con Cusco, qui tutto mi è sembrato sottotono. La posizione se guardate nella cartina è perfetta, però la camera era anonima e la vista tristissima. Considerando comunque la città nel suo insieme, non so a cosa si possa aspirare di meglio.

Ti è piaciuto fino ad ora il racconto del viaggio?

Prima di continuare nella lettura, seguimi sulla mia pagina Facebook cliccando il pulsante qui sotto!
Oltre a poter vedere tempestivamente le nuove fotografie, avrai l'occasione di leggere le migliori pubblicazioni sui viaggi che raccolgo in giro per la Rete.

 

4910 metri: i messaggeri degli Dei

Il Canyon del Colca è uno dei canyon più profondi al mondo e la terza attrazione più visitata del Perù. Oltre ad essere una bellissima zona da dedicare al trekking, offre la rara opportunità di avvistare il condor, il maestoso predatore che può raggiungere i 5 metri di apertura alare.

Il condor

Stanziate pure 60 minuti alla Cruz del Condor per assicurarvi gelosamente migliaia di scatti dello stesso dannato uccello, ma poi anche se non siete dei camminatori professionisti vi consiglio di riservare al Canyon del Colca un paio di giorni: godrete di favolosi panorami e avrete anche la possibilità di interessanti incontri con cultura e tradizioni.
A Coporaque ad esempio, siamo arrivati quando celebravano l’annuale svuotamento e pulizia del bacino idrico, con tanto di musica e danze popolari.
Ecco, questa cosa è un altro mistero: non so se siamo noi che abbiamo una fortuna sfacciata o se in Perù ogni scusa è buona, ma fino ad ora in ogni posto dove siamo stati abbiamo trovato una festa di paese.

Coporaque

Ora vorrei darvi uno di quei consigli che di solito valgono da soli lo sforzo di aver letto questo racconto.
Organizzare una gita di due giorni al Canyon del Colca partendo da Puno per poi finire ad Arequipa, non è facile. A gestire gli spostamenti da soli si rischia di perdere un sacco di tempo.
Noi ci siamo avvalsi dei servizi di Pablo Tour, un’agenzia di Arequipa che abbiamo contattato prima del viaggio.
Sono stati veramente bravi ed efficienti!
Innanzitutto ci hanno organizzato il trasporto in autobus da Puno la mattina presto, però poiché volevano che sfruttassimo al massimo i due giorni di tour, ci sono venuti incontro con il loro minivan per intercettare il bus a metà strada.
La guida, Edison, è stata la ciliegina sulla torta: una persona dotata di una profonda cultura, estremamente gentile e appassionata del suo lavoro. In 1 mese in Perù ne abbiamo avute molte di guide, ma Edison è stato di gran lunga la migliore.

Al termine del tour, tornando verso Arequipa, abbiamo avuto l’occasione di transitare per la seconda volta nel punto più alto del viaggio: il Mirador de los Andes, 4910 metri s.l.m.

Certo che 4910 metri lasciano un po’ l’amaro in bocca…

5000 metri in punta di piedi

Sarebbe stato bello arrivare a 5000…
Però, a guardare bene, alle spalle del Mirador de los Andes c’è una collina… vuoi dirmi che da qui a lì non sono 90 metri di dislivello?!
Vai allora! In quattro, ansimando come labrador asmatici ci siamo inerpicati tra freddo e vento per quei durissimi 90 metri, solo per fare la seguente foto commemorativa ed esplicativa.

Mirador de los Andes: 5000 metri s.l.m.

Adesso che abbiamo conquistato il punto più alto del viaggio, iniziamo la lunga discesa che ci porterà ai deserti meridionali del Perù.

Prima di tornare a quota zero, dovete assolutamente fare tappa ad Arequipa, la bellissima città coloniale a 2335 metri di altitudine (uno scherzo ormai per noi), circondata e dominata da tre vulcani.
La città è enorme, da quando abbiamo incontrato le prime case a quando siamo giunti in centro è passata un’ora e mezza. La parte storica però è confinata in pochi isolati attorno alla Plaza de Armas (N.d.A. tutte le piazze centrali in Perù si chiamano Plaza de Armas), dunque una volta arrivati girerete sempre a piedi, anche perché potrebbe capitarvi come a noi, che i mezzi pubblici non riescano a circolare a causa di… indovinate un po’… una festa!

Consigli per gli acquisti ad Arequipa

Dopo le fatiche e i saliscendi sulle Ande, arrivati ad Arequipa avevamo voglia di mangiare bene. Trovare il ristorante Dimas non è stato facile poiché la sera la strada è poco illuminata (ve l’ho segnato sulla cartina), ma gli sforzi sono stati ricompensanti: ambiente raffinato, ottimo cibo e una presentazione dei piatti ricercata. La velocità del servizio magari si può migliorare.

Apro una parentesi che non c'entra con i "consigli per gli acquisti": non sognatevi di partire da Arequipa senza aver visitato, davanti al Dimas, il Monasterio de Santa Catalina, un caleidoscopico complesso di edifici coloniali che potrebbe non piacere solo ad un daltonico.

Monasterio de Santa Catalina

Per dormire invece vi raccomando caldamente il Katari Hotel, ubicato davanti alla cattedrale più grande del Perù. La colazione viene servita sul tetto da cui si gode una vista spettacolare della piazza e dei vulcani circostanti. Se poi ci soggiornerete a Ferragosto, avrete una posizione in prima fila per i festeggiamenti e gli spettacoli in piazza. Il rovescio della medaglia è che durante i festeggiamenti il taxi potrebbe non riuscire ad arrivare davanti all'ingresso.

Aridi divertimenti

Dopo una notte passata a dormire comodamente sulla poltrona VIP dell’autobus Cruz del Sur, eccoci arrivare alla parte più arida del Perù, i deserti meridionali. Non fate però l’abbinamento mentale di deserto con desolazione, qui troverete la più alta concentrazione di divertimenti ed attrazioni turistiche di tutto il paese, un vero e proprio Luna Park su sabbia e pietra.

Vediamo le tre giostre più famose...

Nazca e la pista per biglie più grande del mondo

Non si può andare in Perù senza vedere con i propri occhi le Linee di Nazca, gli enormi disegni tracciati sul terreno dall’omonima civiltà precolombiana. Le origini e le ragioni rimangono tutt’oggi oggetto di molte speculazioni, alcune molto fantasiose. Di fatto farsi torcere le budella sugli aerei che sorvolano con virate strettissime i geoglifi, è una esperienza irrinunciabile.

Le linee di Nazca

Sono belle da vedere dall'alto, ma ad osservarle da vicino ste linee sono ancora più misteriose.
Mi spiego meglio: io me le immaginavo scolpite nella roccia, invece hanno la larghezza e profondità di una pista per le biglie e sembrano appunto tracciate da un bambino con una paletta sulla spiaggia.

Ma se viene un po’ di vento o si mette a piovere qui si si cancella tutto!
Risposta della guida: qui non c’è vento e non piove mai.
Peccato che un mese dopo un camion è uscito di strada e ci è passato sopra...

Ecco ora un altro consiglio di quelli da segnarsi subito.
Non arrivate a Nasca senza il biglietto per l'aereo.
Alcune compagnie aeree hanno avuto incidenti nel passato ed ora i voli su Nasca sono pochi e le procedure di pesata dei passeggeri lunghe e noiose. Compratevi il biglietto il giorno prima ad Arequipa altrimenti rischiate di restare a terra o comunque di passare la giornata all'aeroporto. E quando dico aeroporto non intendo un terminal internazionale con ristoranti e boutique, ma una grande stanza calda e polverosa.

Gli ottovolanti di Huacachina

Sempre in tema di giostre, Huacachina è un’oasi in mezzo a enormi dune sabbiose, a voi spetta solo il compito di decidere la maniera più divertente per affrontarle: quad, moto, dune buggy, sandboard, ecc.
Se poi volete farvi proprio del male, fate come noi, prima di fare il giro con le dune buggy, andate con un taxi ad Ica a visitare le più famose aziende vinicole del Perù. Ho detto tutto…

Per farvi capire quanto sia stata divertente la giornata passata a Huacachina, non potevo fare altro che realizzare un breve ma intenso video.

Per dormire e mangiare non c’è che l’imbarazzo della scelta, qui è tutto a misura di turista scalmanato.

Huacachina è minuscola, perciò dovendo giudicare la posizione di qualsiasi hotel, ci si troverebbe sempre a dare punteggio massimo. Noi siamo stati all’Hotel El Huacachinero, sedotti dalle foto della piscina presenti sul sito web, però alla fine, nonostante all'esterno facesse un caldo torrido, l'acqua era gelidamente poco invitante. Questi sono i veri misteri del Perù, altro che le linee di Nazca!

Paracas e le Galapagos del Perù

Se uno dei vostri sogni è andare un giorno alle Galapagos, qui potrete averne un piccolo assaggio di mezza giornata. Chiamate appunto le Galapagos del Perù, le Islas Ballestas vi daranno in una mattina emozioni molto simili, con avvistamenti di pinguini e leoni marini sorvolati da migliaia di gabbiani, sule, cormorani e pellicani.
Dicono che quando le hanno scoperte, una di esse fosse ricoperta di 70 metri di guano.
Faccio fatica a credere che possa esistere una montagna di cacca tanto alta, ma me l’hanno giurato.

Islas Ballestas

Dopo le Islas Ballestas, dirigetevi in macchina alla Reserva Nacional de Paracas, un antico deserto fossile con spiagge di colore rosso e timidi fenicotteri rosa. Ma non è per le varianti cremisi che ci volevo andare, bensì per un motivo molto più peccaminoso. All’interno del parco c’è Lagunillas, un piccolissimo villaggio di pescatori che prometteva grandi mangiate di pesce.
E così è stato!
Dopo tanta montagna abbiamo avuto la possibilità di assaggiare il piatto nazionale peruviano, il ceviche ovvero pesce misto crudo marinato nel limone. Capisco la reticenza di mangiare pesce crudo all'estero, ma se non lo assaggiate qui che dalla barca al piatto avrà fatto al massimo 20 metri, non so proprio in quale altro luogo dovreste farlo.

Lagunillas

Per quanto mi riguarda, Ristorante El Che, 10 e lode!

Fattasi sera abbiamo dormito al San Agustin Paracas, un bellissimo hotel costruito in maniera tale che tutte le camere abbiano la vista sull'oceano. Confina da un lato con il porticciolo da dove partono le barche per le Islas Ballestas, mentre dall'altra parte della strada c’è la stazione dei bus che userete per continuare il viaggio la mattina seguente. Dispone persino di un’enorme piscina, però a parte gli indisturbati uccelli non ho visto nessuno osare immergersi in questa stagione.

I castelli di sabbia di Chan Chan

E' arrivato il momento di separarci, Boris e Pesa tornano in Italia, io assieme al resto del gruppo mi dirigo a nord verso l'equatore: sono alla ricerca dell'ozio e della tintarella.

Prima di iniziare i bagni di sole, dobbiamo però fare tappa a Trujillo.

L'antica città coloniale si trova nel bel mezzo della terra dei Chimor, che qui edificarono Chan Chan, la più grande città precolombiana dell’America meridionale. Sin da quando pianificavo il viaggio sono stato attratto dalle fotografie di questo sito archeologico, sembrava di vedere una città fatta di castelli di sabbia.
Purtroppo, devo dire che le foto che si vedono in giro ritraggono Chan Chan quando ancora non aveva i recenti tetti posti a proteggere i delicati edifici di argilla essiccata.
Posso capirli, peccato però, si è perso molto del fascino originale.

Chan Chan

Consigli per gli acquisti a Trujillo

A Trujillo vi raccomando due posti eccezionali.

Sin da quando consultavo libri e racconti per organizzare il viaggio, il nome Mar Picante è saltato spesso fuori come il miglior ristorante di pesce del Perù. Non so se sia effettivamente così, ma posso dirvi che le nostre attese non sono state deluse, abbiamo mangiato un ottimo ceviche e del pesce delizioso in generale. Il ristorante non si trova certo in una zona coreografica, anzi è in prossimità di un incrocio molto trafficato, però il pranzo è stato da Oscar.
Devo fargli anche un appunto negativo: un ristorante di pesce tanto famoso, non può servirmi il vino bianco caldo! Tieni un paio di bottiglie in fresco, cribbio!

Se dovessimo dare un premio per il migliore hotel in un mese che abbiamo passato in Perù, l’Hotel Libertador Trujillo sarebbe di gran lunga il vincitore. In piena Plaza de Armas, l’hotel occupa un bellissimo palazzo storico. Il servizio e la gentilezza dello staff sono di qualità eccelsa, le camere spaziose e il ristorante ottimo. Gli abbiamo assegnato la palma d’oro perché nonostante l’altissimo livello dei servizi, ha un prezzo ben inferiore a quello che si meriterebbe.

In costume da bagno, finalmente!

Non riesco a fare come Boris, che in estate va a farsi le vacanze in Islanda, io ad agosto voglio il caldo e il mare. Questo è stato il motivo per cui per tanti anni non ho considerato il Perù come una meta che potesse soddisfare le mie necessità.
Fino a che non ho sentito parlare di Máncora

Beh, mentirei se vi dicessi che a Máncora sono morto dal caldo.
In realtà se guardassimo le temperature, con una minima di 20°C e una massima di 33°C, dovrebbe fare un caldo canicolare. Nell'equazione però dobbiamo mettere anche il fatto che l’umidità è bassa, c’è sempre un leggero venticello e per finire le spiagge sono colpite dalla corrente fredda di Humboldt che arriva dal Chile.
Il risultato è che di giorno te ne stai in costume a prendere il sole, ma non ti passa nemmeno per l’anticamera del cervello di fare il bagno in mare.
Vuoi mettere però fare le passeggiate in spiaggia tra i leoni marini, mentre al largo saltano le balene?!

Le balene di Máncora

Consigli per gli acquisti a Máncora

A tutti i peruviani a cui dicevamo che saremmo andati a Máncora, si illuminavano gli occhi, come se avessimo parlato della Polinesia Francese. In realtà il paesetto è trafficato, polveroso e sporco.
Per i suddetti motivi la maggior parte dei villeggianti si rinchiude nel proprio hotel e ci esce giusto qualche sera per cambiare aria. Va da sé che è di fondamentale importanza trovarsi un hotel che offra servizi di qualità e un ottimo ristorante.

Arennas è il migliore e probabilmente anche il più caro della zona, però se avete il budget venite qui senza pensarci due volte.

Arennas Máncora

Dopo aver mangiato ottimo pesce in tutto il Perù, persino sulle Ande, arrivati a Máncora ci aspettavamo il massimo dalla ristorazione ittica.
Invece delusione totale.
I ristoranti buoni si contano su una mano e Aqua spicca fra tutti. È ritenuto giustamente su TripAdvisor il numero uno a Máncora, non solo posso confermare l’ineccepibile qualità dei piatti, ma posso dire che tutti gli altri sbiadiscono al confronto.

Ma com'erano le temperature nel resto del Perù?

Questa è una domanda che mi fanno tutti, dunque merita una risposta precisa.
In Perù, nonostante le alte quote, non abbiamo mai subito temperature glaciali.
Tanto per capirci d’inverno (estate in Italia) a 5000 metri non troverete neve o ghiaccio.
Altro esempio, a Cusco sotto il sole si riesce a stare anche in maniche corte.
Piuttosto ci sono enormi variazioni termiche tra il giorno e la notte, come tra le zone soleggiate e quelle in ombra. È importantissimo vestirsi a strati, meglio se con tessuti traspiranti, un secondo prima hai caldo e stai in magliettina, un secondo dopo trovi l’ombra con un po’ di vento e subito ti devi coprire.

Io mi sono trovato bene con 5 strati, che hanno permesso una notevole flessibilità:

  1. Intimo tecnico traspirante: sempre addosso.
  2. Camicia tecnica traspirante.
  3. Felpa tecnica: molto importante che sia dotata di cerniera, per poterla mettere e togliere velocemente senza doversi sfilare il cappello.
  4. Piumino: di sera è d’obbligo.
  5. Windstopper: giorno o notte, quando tira vento questo sarà il vostro miglior amico.

E Lima?

Mi rendo conto di non aver mai citato la capitale in tutto il racconto, ma in realtà ci siamo transitati tre volte.

La prima volta è stata quando siamo arrivati in Perù, però considerati i tempi biblici che servono per raggiungere il centro di Lima, poiché eravamo in transito abbiamo preferito dormire in aeroporto. Il Costa Del Sol Wyndham Lima Airport si trova a 20 metri dall'aeroporto (davanti all'uscita), ma si può raggiungere anche direttamente da dentro attraversando un ponte pedonale. Silenzioso, comodo, pulito e più vicino di così vorrebbe dire costruirlo sulla pista di decollo.

La seconda volta è stata durante il trasferimento da Paracas a Trujillo e con l’occasione siamo andati a visitare il centro storico.

Lima

La terza e ultima volta è stata prima di partire per il rientro in Italia, in questo caso abbiamo scelto di soggiornare nel quartiere di Miraflores. La città si sa che non è la più tranquilla al mondo, dunque siamo voluti andare sul sicuro soggiornando al Tierra Viva Miraflores Larco, una catena che conoscevamo molto bene. L’hotel non è niente di speciale, si trova in un palazzone anonimo con camere prive di vista, però è pulito, sicuro e ha una posizione centralissima. Esattamente quello che cercavamo.

Volendo mangiare pesce nel quartiere di Miraflores non c’è che l’imbarazzo della scelta, però Lima è famosa per i migliori ristoranti di pesce di tutto il Peru, dunque non volevamo sbagliare.
Punto Azul è ottimo e si mangia molto bene. Il problema è che la Lonely Planet non è un libro segreto per pochi eletti, dunque preparatevi ad una lunga lista d’attesa.

Non ci credo, ho finito di scrivere questo diario di viaggio!
Non vorrei sbagliarmi ma è il più lungo che abbia mai scritto e questo, se non l’avete ancora capito, la dice tutta sulla varietà e sulla quantità dell’offerta turistica peruviana.
Chiudo con l’ultimo consiglio, non fate come me che ho aspettato anni prima di decidermi, non rimandare a domani il Perù che puoi visitare oggi.

Ti è piaciuto il diario del viaggio?

Condividilo con gli amici cliccando il pulsante qui sotto!
Mi aiuterai così a diffonderlo sul web.

 
Galleria Fotografica del Viaggio
1/852/853/854/855/856/857/858/859/8510/8511/8512/8513/8514/8515/8516/8517/8518/8519/8520/8521/8522/8523/8524/8525/8526/8527/8528/8529/8530/8531/8532/8533/8534/8535/8536/8537/8538/8539/8540/8541/8542/8543/8544/8545/8546/8547/8548/8549/8550/8551/8552/8553/8554/8555/8556/8557/8558/8559/8560/8561/8562/8563/8564/8565/8566/8567/8568/8569/8570/8571/8572/8573/8574/8575/8576/8577/8578/8579/8580/8581/8582/8583/8584/8585/85
Clicca sull'immagine per vedere la successiva
Parque Nacional del Manu

Parque Nacional del Manu

Sei il lettore numero 10.928.

Commenti e domande

comments powered by Disqus
Licenza Creative Commons
Le fotografie, i video, la grafica e i testi di Andata/Ritorno sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Articolo precedente

Articolo precedente

Dubai, fuori in 600 minuti

Articolo successivo

Norvegia, caccia all'aurora boreale

Articolo successivo

Costa del Sol Wyndham Lima Airport

5/5

Considerati i tempi biblici che servono per raggiungere il centro di Lima dall’aeroporto, se siete in transito e avete poche ore, allora vi conviene dormire in aeroporto. Questo hotel si trova a 20 metri dall'aeroporto (davanti all'uscita), ma si può raggiungere anche direttamente da dentro l’aeroporto attraversando un ponte pedonale. Silenzioso, comodo, pulito e più vicino di così vorrebbe dire costruirlo sulla pista di decollo.

Tierra Viva Cusco Centro

5/5

A Cusco abbiamo soggiornato per la prima volta durante il viaggio in un hotel della catena Tierra Viva (poi ripeteremo l'esperienza positiva altre 2 volte). Il centro si trova a due passi, poi dipende da cosa consideriamo "centro": la Palza de Armas è a 4 isolati, ma il monastero e il mercato sono ad 1 isolato. L’hotel è costruito in stile coloniale, le stanze sono confortevoli, pulite e spaziose.

Hotel Tierra Viva Puno Plaza

3/5

Dopo essere stati al Tierra Viva Cusco Centro, mi aspettavo di meglio a Puno da un hotel della stessa catena. La posizione è perfetta ma, sarà che quanto a fascino la città non può minimamente competere con Cusco, qui tutto mi è sembrato sottotono. La camera era più piccola e la vista tristissima. Considerando comunque la città nel suo insieme, non so a cosa si possa aspirare di meglio.

Katari Hotel at Plaza de Armas

5/5

Arequipa è una città enorme, però la parte storica è confinata in pochi isolati. Questo significa che se siete qui per turismo, vi conviene soggiornare in un hotel il più vicino possibile alla Plaza de Armas. In questo caso il Katari Hotel è strategico, la colazione viene servita sul tetto da cui si gode una vista spettacolare della piazza e dei vulcani circostanti. Se poi ci soggiornerete a Ferragosto, avrete una posizione in prima fila per i festeggiamenti e gli spettacoli in piazza. Il rovescio della medaglia è che durante i festeggiamenti il taxi potrebbe non riuscire ad arrivare davanti all'ingresso.

Hotel El Huacachinero

2/5

Huacacina è minuscola, perciò dovendo giudicare la posizione di qualsiasi hotel, ci si troverebbe sempre a dare punteggio massimo. Qui le stanze variano molto in fatto di qualità: quelle al pianoterra vicine alla reception sono da sconsigliare in quanto buie e molto rumorose, poi ci sono quelle attorno alla piscina che sono le migliori e infine quelle interne al secondo piano che sono una via di mezzo, buie ma tranquille. Quando abbiamo prenotato ci siamo lasciati catturare dalle foto della piscina, però stranamente, nonostante all'esterno facesse un caldo torrido, l'acqua era veramente fredda.

San Agustin Paracas Hotel

5/5

A Paracas ci si viene per due motivi: per farsi un giro in barca alle Islas Ballestas (dette le Galapagos del Perù) e un giro in auto alla coloratissima Reserva Nacional de Paracas. Fatte queste due attività che assieme non occuperanno più di una giornata, a Paracas non c’è più altro da fare se non annoiarsi. L’hotel di per sé sarebbe perfetto, tutte le camere hanno vista sul mare e la posizione è anche meglio: a lato c’è il porto da dove partono le barche e dall'altra parte della strada c’è la stazione dei bus. Dispone persino di un’enorme piscina. Però come vi dicevo, passarci più di una notte non ha senso.

Hotel Libertador Trujillo

5/5

Se dovessimo dare un premio per il migliore hotel in un mese che abbiamo passato in Perù, questo sarebbe di gran lunga il vincitore. In piena Plaza de Armas a Trujillo, l’hotel occupa un bellissimo palazzo storico. Il servizio e la gentilezza dello staff sono di qualità eccelsa. Il ristorante è ottimo. La cosa incredibile è che nonostante sia il migliore hotel in cui abbiamo soggiornato, non è stato di certo il più caro, anzi…

Arennas Mancora

5/5

Mancora è un paesetto trafficato, polveroso e sporco. Considerato che è una località di mare, ci aspettavamo di mangiare ottimo pesce, invece i ristoranti decenti sono l’eccezione. Per i suddetti motivi la maggior parte dei villeggianti si rinchiude nel proprio hotel e ci esce giusto qualche sera per cambiare aria. Va da sé che è di fondamentale importanza trovarsi un hotel che offra servizi di qualità e un ottimo ristorante. Arennas è il migliore e probabilmente anche il più caro della zona, però se avete il budget venite qui senza pensarci due volte.

Tierra Viva Miraflores Larco

3/5

Per l’ultimo giorno in Peru volevamo visitare il quartiere di Miraflores a Lima. La città si sa che non è la più tranquilla al mondo, dunque siamo voluti andare sul sicuro soggiornando in un hotel della catena Tierra Viva che conoscevamo molto bene. Se dicessi che l’hotel era bello mentirei, si trova in un palazzone anonimo con camere prive di vista, però è pulito, sicuro e la posizione centralissima. Esattamente quello che cercavamo.

Dove ho dormito durante il viaggio?

Booking.com
Ti piace questo sito? Idea R: Web Design, Web Marketing, Web Analysis & Social Media Strategies

Potrebbero interessarti

Messico, i Maya in HDR

Messico, i Maya in HDR

Il Messico così colorato come non lo avete visto mai!

Sulawesi, vacanza con il morto

Avventura fai-da-te in una delle isole più grandi e sconosciute dell'Indonesia, tra insoliti riti funerari e meravigliose immersioni subacquee.

Ultimi pubblicati

Thailandia, 50 anni alle Isole Similan

Thailandia, 50 anni alle Isole Similan

Crociera subacquea alle Similan nel Mar delle Andamane, le immersioni più rinomate della Tailandia. La realizzazione di un sogno tanto atteso.

Da Hong Kong a Pechino passando per la Cina

Racconto di un viaggio fai-da-te da Hong Kong a Pechino. Tocchiamo assieme i luoghi iconici della Cina e altri meno famosi ma dal cuore autentico.

I più letti

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Lontano dalle abituali rotte del turismo messicano, visitiamo le più belle città coloniali del Messico e partecipiamo assieme alle fiere paesane.

Vietnam, pianificare una favola

Lungo viaggio fai-da-te nel caleidoscopico Vietnam. Dalle antiche popolazioni montane del nord, all'effervescente Ho Chi Min City.

Scelti dalla redazione

Ko Tao, Ko Phangan o Ko Samui? In quale andare?

Ko Tao, Ko Phangan o Ko Samui? In quale andare?

Quale scegliere fra Ko Tao, Ko Phangan e Ko Samui? Per scoprirlo ci sono dovuto andare. Forse questo è l'articolo che stavi cercando.

Kalimantan, se non è avventura questa!

Oranghi, coccodrilli, sanguisughe... scopriamo assieme il Kalimantan (Borneo indonesiano) per vivere la più esotica avventura della nostra vita.
Viaggio in Borneo

Torna all'inizio