L'iscrizione può essere disdetta in qualsiasi momento, seguendo le istruzioni riportate in calce ad ogni newsletter.

Chiudi Chiudi

Chiudi Chiudi

Booking.com
Kalimantan, se non è avventura questa!

Kalimantan, se non è avventura questa!

Data del viaggio: Agosto 2014
Pubblicato il 11/06/2015
Ultimo aggiornamento 21/05/2017
Località: Asia, Indonesia

Se non è avventura questa, allora non so proprio cosa possa esserlo!
Premetto che non è un viaggio per tutti, non perché sia pericoloso, tutt'altro, piuttosto necessita di una certa dose di spirito di adattamento. Non ha nessuna importanza se disponente di una illimitata American Express platino, quando vi troverete in navigazione lungo i fiumi del Borneo, l'opzione resort a 5 stelle non è contemplata. Se vi va bene dormirete all'aperto sul ponte di una barca e a quel punto di stelle ne avrete tante, sopra alla testa.

Orang utan al Tanjung Puting National ParkNon voglio però dissuadervi, anzi voglio darvi preziosi consigli che potranno aiutarvi ad organizzare un viaggio come questo. Nessun tour operator potrà farlo, persino l'affidabilissima Lonely Planet ha delle imprecisioni quando si parla di Kalimantan (il Borneo indonesiano).

Siete curiosi di scoprire l'odore che emana il vostro corpo dopo 5 giorni che non lo lavate?
Pensate di poter dormire per terra su sottili materassi, senza domandarvi quando è stata l'ultima volta che li hanno lavati?
Potete accettare il fatto che "sanitario" spesso vorrà dire "buco sul pontile di legno col fiume che scorre sotto" e che "carta igienica" sarà identificata con "foglia più vicina a portata di mano"?
Se avete risposto sì a tutte le precedenti domande allora preparatevi a partire, vi farò vivere la più selvaggia ed esotica avventura della vostra vita.
Al termine premierò il vostro stoicismo portandovi in un paradiso equatoriale, l'arcipelago di Derawan.

Tanjung Puting National Park

Quando anni fa mi trovavo nel Borneo malese, nel centro di riabilitazione orang utan di Sepilok, sapevo che l'alter ego indonesiano era il Tanjung Puting. A quel tempo mi immaginai che la versione indonesiana dovesse essere la brutta copia di quella malese.

Quanto mi sbagliavo!

Il Sepilok Rehabilitation Center si visita in un paio di ore: dopo una breve passeggiata su comodi pontili di legno, costruiti appositamente perché non vi sporchiate le scarpette, si arriva nei feeding point dove i ranger a orari prestabiliti distribuiscono cibo agli oranghi. Fine della gita.

Il Tanjung Puting National Park si visita invece minimo in tre giorni, noi ne abbiamo spesi cinque.
Si snoda lungo il Sungai Sekonyer, un placido fiume navigato silenziosamente dalle barche degli escursionisti. Anche qui troverete i feeding point dove potrete scatenare l'inferno fotografico, ma il bello è che gli orang utan li vedrete comunque dappertutto. E non solo loro! In questo incantevole parco abita una foltissima comunità di scimmie nasiche, oltre che macachi, gibboni, orsi, leopardi, cinghiali, buceri, coccodrilli… insomma, avete capito, Sepilok al paragone sembra un piccolo zoo di provincia.

Scimmie nasciche al Tanjung Puting

Come vi avevo preannunciato qui la barca sarà la vostra casa, di giorno mangerete a bordo e vi rilasserete tra un'escursione e l'altra, di notte dormirete sul ponte sotto a una zanzariera circondati da migliaia di lucciole.

Le barche lungo il Sungai Sekonyer

Alziamo l'asticella

Tutto ciò non vi è bastato e volete passare al livello di difficoltà successivo?
Allora potrete fare come noi e ingaggiare guida e portatori per fare un'escursione di due giorni nella giungla con pernottamento in tenda.
Preparatevi ad una stupenda avventura fatta di guadi, sanguisughe e litri di sudore. Dopo 8 ore di trekking arriverete al campo base dove i vostri portatori, arrivati nel frattempo seguendo un sentiero più comodo, allestiranno il campo e prepareranno la cena. 

Nell'attesa potrete stendere i vestiti al fuoco e magari farvi una doccia… sì avete capito bene, al campo c'è un'ingegnosa doccia basata sull'acqua piovana, degna di essere recensita nel Manuale delle Giovani Marmotte.
Sarà stato per la fatica e la fame, ma la cena mi è sembrata deliziosa. Se vedete una strana bottiglietta d'acqua che passa di mano in mano tra i portatori, non siate timidi, si tratta di Arrak. Il buonissimo distillato di palma, sarà utilissimo per farvi cadere in un sonno profondo, resistente anche agli animali (cinghiali nel nostro caso) che di notte decidessero di fare razzie al campo.

Le nostre guide e portatori nella giungla del Borneo

Per organizzare il vostro soggiorno nel parco dovrete affidarvi necessariamente ad una agenzia locale, prenotando con largo anticipo. Vi consiglio la Orangutan Travel, verranno a prendervi all'aeroporto di Pangkaln Bun, vi porteranno alla vostra casa galleggiante, vi affiancheranno una o più guide e vi riporteranno all'aeroporto al termine di questa meravigliosa avventura.

Balikpapan, ricarichiamo le batterie

Prima di intraprende la prossima escursione, la risalita del Sungai Mahakam, molto probabilmente arriverete a Balikpapan. E' una delle maggiori città del Kalimantan e sarà la vostra occasione di rilassarvi prima delle fatiche che vi aspettano. Il mercato di Kebun Seyur sarà inoltre la vostra unica possibilità di fare shopping etnico nel Borneo indonesiano.

Il mercato di Kebun Seyur a Balikpapan

Voglio darvi due consigli fondamentali di natura logistica.
Per mangiare recatevi senza indugio in riva al mare presso l'Ocean's Resto, un elegante ristorante specializzato in pesce. Scegliete dal bancone tutti crostacei che siete in grado di mangiare e preparate le vostre papille gustative ad un rave party di sapori e delizie.
Per dormire invece godetevi il Novotel Balikpapan Hotel, mi ringrazierete per queste parole, da qui in avanti il viaggio prevederà solo sottili materassi, turche in comune e insetti.

Ti è piaciuto fino ad ora il racconto del viaggio?

Prima di continuare nella lettura, seguimi sulla mia pagina Facebook cliccando il pulsante qui sotto!
Oltre a poter vedere tempestivamente le nuove fotografie, avrai l'occasione di leggere le migliori pubblicazioni sui viaggi che raccolgo in giro per la Rete.

 

Cacciatori di teste, istruzioni per l'uso

Siamo arrivati al pezzo forte, la lunga risalita del Sungai Mahakam, ovvero 980 Km di fiume, il più grande del Borneo. Durante il viaggio visiteremo villaggi sperduti e conosceremo i discendenti degli Iban, gli antichi cacciatori di teste. Parteciperemo a truculente cerimonie funebri e visiteremo autentiche longhouse, le grandi case comuni su palafitte.

La prima cosa da fare è recarsi a Samarinda per trovare una brava guida indonesiana, senza la quale vi garantisco il viaggio diventerebbe impossibile, se non altro per problemi linguistici. Poiché questa è la chiave del successo della vostra spedizione, prendete nota del seguente contatto:

Datu Bambang Hrtono
Tel. +62 08125878738
punanbatu@yahoo.com
dayakborneoblog.wordpress.com

Il signor Datu ha una lunga esperienza come guida, ha rappresentato due volte l'Ente Turismo Indonesiano in Australia e parla perfettamente l'inglese. Si è presentato al nostro Swiss Belhotel con un laptop e ci ha spiegato in maniera estremamente professionale, coadiuvato da foto e mappe, cosa c'era da vedere lungo il Mahakam e cosa si poteva evitare. E' stato molto onesto, contro i suoi stessi interessi ci ha consigliato di avvalerci di lui solo per i primi 3 giorni, poiché la maggior parte dei giorni successivi li avremmo passati in navigazione e gli sembrava ingiusto farsi pagare solo per star seduto su un traghetto.
Ci avrebbe comunque aiutato fornendoci tutti i contatti di cui avevamo bisogno e un supporto telefonico in caso di necessità. Quest'ultima cosa è stata spesso indispensabile per riuscire a comunicare con barcaioli o albergatori, noi lo chiamavamo al telefono e lui traduceva.

Muara Muntai e i grandi laghi

Dopo un breve trasferimento in auto fino a Tenggarong, con un paio di ces (una specie di lunga canoa a motore) abbiamo iniziato a risalire l'imponente fiume. E' facilissimo in questo tratto incontrare i delfini di acqua dolce, oltre a varani, coccodrilli e uccelli di ogni tipo. Che dopo non vi senta dire "Accidenti, ho lasciato il binocolo a casa!"

Sungai Mahakam

Dopo alcune ore di rilassante navigazione, siamo arrivati per il pernotto a Muara Muntai dove ci attendeva un… non saprei come chiamarlo per rendergli giustizia… un materasso, una turca e un secchio d'acqua per lavarsi. Sì, direi che l'ho descritto con precisione svizzera.

La peculiarità di tutti i villaggi che abbiamo visitato è che sono costruiti su palafitte e le strade non sono altro che pontili fatti di tronchi. Una cosa fastidiosamente curiosa e che sfugge alla mia comprensione è che, anche se il villaggio è fatto solo di quattro case distribuite attorno ad un breve pontile, troverete comunque decine di scooter che continuano a transitare avanti e indietro. Ma dove stanno andando? E soprattutto, perché ogni volta che mi incrociano mi salutano? Saranno passati al massimo 45 secondi dalla volta precedente!

Sungai Mahakam

Quando non sarà il frastuono degli scooter che corrono sui tronchi traballanti dei pontili a tenervi svegli la notte, allora ci penseranno le moschee: con un impianto audio da far invidia a una balera della costa romagnola, a partire dalle 4 del mattino iniziano a diffondere i canti che richiamano i fedeli alla preghiera.

Nei successivi due giorni ci siamo spostati all'interno del lago Jempang, dedicandoci agli avvistamenti faunistici e alla visita di villaggi lungo i corsi d'acqua.

Sungai Mahakam

Abbiamo inoltre avuto l'inusuale occasione di partecipare ad una festa in un villaggio Iban. In occasione della riesumazione delle ossa del vecchio capo villaggio, era stata organizzata una sagra con tanto di giochi d'azzardo e combattimenti fra galli.

Il clou della festa è stata una specie di corrida dove i giovani del villaggio giocavano ad accoltellare un bufalo furioso (anche io sarei stato furioso al suo posto). Come potete vedere dalle foto, sul bufalo vengono disegnati dei cerchi: quelli sono esattamente i punti in cui NON si deve colpire il povero animale, altrimenti c'è il rischio di farlo fuori subito e perdersi il "divertimento". Una volta che il bovino passa a miglior vita, le ossa del riesumato vengono intinte nel sangue e tutti i partecipanti alla festa si disegnano un segno propiziatorio sulla fronte con il sangue (esimersi non è un'opzione).

Avrete di certo capito che non si tratta della giornata dell'orgoglio vegano.

Sungai Mahakam

Vi garantisco che senza una guida come Mr. Datu innanzitutto non saremmo mai venuti a conoscenza della festa e, anche se ci fossimo capitati per puro caso, non ci avrebbero ammesso come visitatori esterni.

Abbiamo passato la notte a Tanjung Issuy dove ci attendeva un… si insomma sempre il solito materasso, turca e secchio. Questa volta però bisogna dire che eravamo dentro a una longhouse, con tutto il fascino che ne derivava.

Il terzo giorno siamo ritornati lentamente verso Muara Muntai e a questo punto vi devo confessare che la maggior parte dei turisti torna indietro a Samarinda. Col senno di poi, probabilmente fanno anche bene. Ma noi no, incalzati dalle letture che ci promettevano avventure e disagi crescenti, volevamo andare là dove nessun occidentale era mai giunto prima.

Danau Jempang

Le feste di Tering

Così Mr. Datu, con uno sguardo che si riserva solo ad un povero pazzo che non sa a cosa va incontro, ci ha caricati su un traghetto notturno promettendoci che alla mattina a Melak un autista sarebbe venuto a prenderci. Così è stato, abbiamo passato il giorno seguente dentro il parco nazionale di Kersik alla ricerca dell'orchidea nera e a Eheng dobbiamo visitato l'ennesima longhouse: è proprio questo il problema di continuare la risalita del fiume, dopo i primi 3 giorni tutto diventa bene o male ripetitivo.

Longhouse

Il Mahakam divide la ridente e lercia cittadina di Tering, separando musulmani da cristiani. Il giorno del nostro arrivo c'erano contemporaneamente due sagre, una per ogni fede religiosa. Ci è sembrato giusto, per par condicio, partecipare ad entrambe. Purtroppo quando ho visto l'albero della cuccagna, in preda alla frenesia fotografica sono riuscito a conciarmi uno schifo macchiandomi di grasso nero dalla testa ai piedi. Questa volta la moschea che avevamo davanti al… sì insomma le quattro mura con un materasso… la moschea dicevo mi è tornata utile. Se avessi dovuto lavarmi solo con lo squallido secchio della nostra guesthouse stavo fresco, ero ancora lì a strofinare. Le moschee invece sono dotate di una zona abluzioni con rubinetti di acqua corrente, dove i fedeli prima di pregare vanno a purificarsi. Così, mentre mi smacchiavo l'anima e i vestiti, ho passato mezzora a chiacchierare con i passanti e ricevere addirittura un invito a cena. Se non è ospitalità questa!

I tagliatori di teste di Datah Bilang

Più si risale verso le sorgenti del fiume, più la corrente diventa forte e di conseguenza bisogna avvalersi di motoscafi sempre più potenti. Il viaggiatore oculato normalmente a questo punto capisce che risalire ulteriormente il fiume rischia di diventare un gioco costoso che non vale la candela… ma noi no.

La mattina seguente quindi, dopo una frenetica contrattazione, siamo saltati sul motoscafo e ci siamo diretti a Datah Bilang dove ci attendeva pazientemente il contatto di Mr. Datu. Qui devo dire che la sistemazione alberghiera non è stata niente male. Intendiamoci, stiamo sempre parlando di un materasso appoggiato a terra, di una turca e un secchio, ma la singolare pulizia era probabilmente dovuta al fatto che il gestore era anche il proprietario dell'impianto di depurazione dell'acqua, quindi tecnicamente un "benestante".
Il pomeriggio gentilmente ci hanno accompagnato a fare visita a due anziani tatuati, con le orecchie allungate da pesanti orecchini e che in giovinezza probabilmente qualche testa dovevano averla anche tagliata.

Iban a Datah Bilang

Long Bagun, nel cuore del Borneo

A questo punto, il navigato viaggiatore sano di mente, capisce che forse è il momento di tornare indietro, ma noi no. Dopo un interminabile viaggio, spiaccicati e sballottati su un motoscafo che viaggiava a tutta birra, siamo arrivati nella sperduta Long Bagun. Diciamo che ci siamo andati giusto per piantare la bandierina e raccontarlo un giorno ai nostri nipotini, poiché non c'è nessuna attrazione turistica degna di nota, tranne il solito villaggio fluviale analogo ai molti che ormai avevamo già visitato.

Long Bagun

Il lungo rientro

All'alba del giorno seguente siamo saliti sul traghetto che in 34 infinite ore di navigazione sul tortuosissimo Sungai Mahakam ci ha riportati a Samarinda.
Se visitaste questa simpatica cittadina come prima tappa del vostro viaggio, la giudichereste pittorescamente squallida. Se invece la visiterete dopo un viaggio pieno di privazioni lungo il Mahakam river, allora Samarinda vi sembrerà Manhattan, lo Swiss Belhotel accogliente come il Waldorf Astoria e il bordello che gli sta di fronte paragonabile al mitico Studio 54.

Samarinda

Mare, finalmente!

Se avete letto altri racconti su questo blog, allora sapete che non concludo mai un viaggio senza un po' di immersioni subacquee.

Partendo da Berau, dopo un'ora di navigazione lungo il fiume e 3 ore in mare aperto, abbiamo raggiunto il meraviglioso (e lontanissimo) Maratua Paradise Resort. Eravamo solo noi e un'altra coppia (6 in totale), dunque immaginatevi tutto lo staff del resort a nostra disposizione e 7 giorni di relax in una esclusiva water villa fronte mare.

Maratua Paradise Resort

L'Indonesia già nel passato ci ha regalato immersioni favolose (Manado o Komodo ad esempio) e anche questa volta non ci ha deluso. Lo so che ogni volta che vado in Indonesia poi dico che ho fatto le immersioni più belle della mia vita, ma a rischio di perdere credibilità vi dico che l'arcipelago di Derawan è fantastico.

Turtle Traffic

Dopo essere stato a Sipadan pensavo che in nessun altra immersione avrei visto così tante tartarughe tutte assieme, al punto di arrivare a considerarle quasi banali. Mi sbagliavo, nell'arcipelago di Derawan sono moltissime e in questa particolare immersione, il nome rende proprio l'idea.

Kakaban

Potrei parlarvi della mante dell'atollo di Sangalaki, ma ormai le vediamo ogni anno, non fanno più notizia. Secondo me la cosa più curiosa la troverete sull'atollo di Kakaban. Nel centro dell'isola c'è un lago dove vive una foltissima comunità di meduse non urticanti. Potrete passare un'oretta a giocare con loro, fate solo attenzione a non muovervi in maniera troppo maldestra, sono talmente tante che è facile con le pinne mandarne qualcuna al creatore.

Kakaban

The Channel

Da sola vale le 4 ore di maltrattamenti al vostro coccige necessari per arrivare a Maratua.
Non è un'immersione facile, se riuscirete a non farvi denudare dalla fortissima corrente (vi strappa letteralmente via il GAV e la maschera), nuoterete in mezzo a centinaia, forse migliaia di barracuda.

The Channel

Cosa state aspettando ancora! Mettete in valigia frusta, cappello a tesa larga e buon divertimento!

Si ringrazia Gianni Cicalese per le foto subacquee.

Aggiornamenti dal Borneo (Maggio 2017)

Se siete curiosi di sapere cosa vuol dire continuare il Cross Borneo Trek oltre il punto dove siamo arrivati noi (Long Bagun), Mr Datu ha girato un video in 3 brevi puntate. Assieme a due escursionisti, dopo aver superato Long Bagun, si è diretto a Tiong Ochan, ha scavalcato il monte Muller e sono arrivati a Putussibau. Come potrete notare è un trekking senza sconti sulla fatica e l'organizzazione prevede uno staff considerevole, ma è di sicuro una gran bella avventura.

 

 

 

Ti è piaciuto il diario del viaggio?

Segnala il tuo apprezzamento e condividilo con gli amici cliccando il pulsante qui sotto!
Mi aiuterai così a diffonderlo sul web.

 
Galleria Fotografica del Viaggio
1/742/743/744/745/746/747/748/749/7410/7411/7412/7413/7414/7415/7416/7417/7418/7419/7420/7421/7422/7423/7424/7425/7426/7427/7428/7429/7430/7431/7432/7433/7434/7435/7436/7437/7438/7439/7440/7441/7442/7443/7444/7445/7446/7447/7448/7449/7450/7451/7452/7453/7454/7455/7456/7457/7458/7459/7460/7461/7462/7463/7464/7465/7466/7467/7468/7469/7470/7471/7472/7473/7474/74
Clicca sull'immagine per vedere la successiva
Tanjung Puting

Tanjung Puting

Orangotango.

Vedi anche

Nusa Tenggara, mamma li draghi!

Continua l'esplorazione delle isole indonesiane. Avventuriamoci nel Mar di Komodo alla ricerca del rettile più velenoso al mondo.

Bali, spiritualità contromano

Diario di viaggio in due parti nell'arcipelago indonesiano. Iniziamo con l'isola più spirituale dell'Indonesia e i suoi incredibili paesaggi.

Sulawesi, vacanza con il morto

Avventura fai-da-te in una delle isole più grandi e sconosciute dell'Indonesia, tra insoliti riti funerari e meravigliose immersioni subacquee.

Sei il lettore numero 53.188.

Commenti e domande

comments powered by Disqus
Licenza Creative Commons
Le fotografie, i video, la grafica e i testi di Andata/Ritorno sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Articolo precedente

Articolo precedente

Ko Tao, Ko Phangan o Ko Samui? In quale andare?

Articolo successivo

Atene, il sole a dicembre

Articolo successivo

Best Western Hariston Pluit Jakarta

5/5

Poiché il nostro soggiorno a Giacarta era di una sola notte (siamo arrivati la sera e ripartiti la mattina), cercavamo un hotel che avesse due requisiti molto precisi. Primo doveva essere vicino al centro per farsi una breve passeggiata. Il secondo requisito era anche più importante, doveva permettere di raggiungere l'aeroporto in tempi brevi. Giacarta infatti soffre di un traffico talmente congestionato, che capita che i tassisti si rifiutino di portarvi a destinazione per non finire bloccati. L'hotel in questo caso è perfetto, si trova vicinissimo all'arteria principale che conduce all'aeroporto (20 minuti).

Novotel Balikpapan Hotel

5/5

Siamo transitati 3 volte per Balikpapan e siamo sempre venuti in questo hotel. Se come noi dovrete spesso rinunciare durante il viaggio a comfort e condizioni igieniche accettabili, questo hotel vi permetterà di recuperare le energie e la motivazione per proseguire. E' posizionato eccellentemente, vicinissimo ai ristoranti sul mare e ai centri commerciali. La piscina con vista dall'alto della costa è superlativa. Non ci si può mica sempre lavare solo con i secchi e l'acqua marrone del fiume, ogni tanto un po' di comfort ci vuole!

Swiss-Belhotel

4/5

Se dovrete organizzare un viaggio lungo il Sungai Mahakam, dovrete per forza iniziarlo e finirlo a Samarinda. La città non offre molto, tranne un paio di moschee, ma questo non è un problema visto che la vostra permanenza sarà molto ridotta. Quello che vi serve è un hotel confortevole, vicino ai luoghi dove mangiare e al limite vicino ai locali notturni. Qui avrete tutte e 3 le cose: ottimo hotel con colazione abbondante, vicinissimo ad un centro commerciale e dirimpettaio ai migliori (se non unici) locali notturni.

Maratua Paradise Resort

5/5

Un paradiso, non c'è parola migliore per descriverlo.
Le water villa sono stupende, i bungalow invece secondo me sono pieni di zanzare. Visto che la differenza in denaro fra le due tipologie di sistemazione è minima, non avrei dubbi.
Il cibo è buono, a meno che non siate maniaci della cucina internazionale. Qui la cucina è indonesiana, dunque pesce, riso, noodle e zuppe. Se come me amate la cucina etnica allora vi farete delle belle scorpacciate, se invece siete delicati e non andate più in là della pasta al pomodoro, vi farete un'indigestione di riso in bianco

Dove ho dormito durante il viaggio?

The Etihad Global Sale
Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
Ti piace questo sito? Idea R: Web Design, Web Marketing, Web Analysis & Social Media Strategies

Potrebbero interessarti

Nusa Tenggara, mamma li draghi!

Nusa Tenggara, mamma li draghi!

Continua l'esplorazione delle isole indonesiane. Avventuriamoci nel Mar di Komodo alla ricerca del rettile più velenoso al mondo.

Bali, spiritualità contromano

Diario di viaggio in due parti nell'arcipelago indonesiano. Iniziamo con l'isola più spirituale dell'Indonesia e i suoi incredibili paesaggi.

Ultimi pubblicati

Stati Uniti d'America, Far West da brividi

Stati Uniti d'America, Far West da brividi

È possibile visitare il Far West negli USA in meno di 1 settimana? Noi ce l'abbiamo fatta. Scopri come fare e cosa non puoi assolutamente perderti.

Il Myanmar a piedi scalzi

Dopo anni di dittatura militare il Myanmar si apre al turismo in tutto il suo splendore. Vediamo assieme cosa non dovete assolutamente perdervi.

I più letti

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Lontano dalle abituali rotte del turismo messicano, visitiamo le più belle città coloniali del Messico e partecipiamo assieme alle fiere paesane.

Sulawesi, vacanza con il morto

Avventura fai-da-te in una delle isole più grandi e sconosciute dell'Indonesia, tra insoliti riti funerari e meravigliose immersioni subacquee.

Scelti dalla redazione

Ko Tao, Ko Phangan o Ko Samui? In quale andare?

Ko Tao, Ko Phangan o Ko Samui? In quale andare?

Quale scegliere fra Ko Tao, Ko Phangan e Ko Samui? Per scoprirlo ci sono dovuto andare. Forse questo è l'articolo che stavi cercando.

Le Galapagos senza un mutuo

Come andare alle Galapagos risparmiando anche il 70% sul costo di un viaggio organizzato. Trucchi e consigli che dovete assolutamente conoscere.
Viaggio in Borneo

Torna all'inizio