L'iscrizione può essere disdetta in qualsiasi momento, seguendo le istruzioni riportate in calce ad ogni newsletter.

Chiudi Chiudi

Chiudi Chiudi

Booking.com
Vietnam, pianificare una favola

Vietnam, pianificare una favola

Data del viaggio: Luglio/Agosto 2007
Pubblicato il 27/12/2007
Località: Asia, Vietnam

Ancora prima di arrivare in Vietnam, chi si predispone ad organizzare un viaggio viene subito catapultato in un mondo dove i confini tra realtà e leggenda sono sfuggenti, dove ogni posto ha una sua storia e dove tutti i nomi dei luoghi sembrano presi da un romanzo di Tolkien. Ad esempio, siete nel centro storico della capitale e state ammirando il pittoresco lago di Hoan Kiem... ad un certo punto vi chiedete "Cosa vuol dire Hoan Kiem?".

Hoan Kiem

Hoan Kiem significa Lago della Spada Restituita: la leggenda vuole che a metà del 1400 l'imperatore Le Loi aveva il suo bel da fare per tenere testa agli invasori Cinesi, quando ad un certo punto gli dèi misericordiosi gli inviarono una spada magica, con la promessa che l'avrebbe dovuta restituire al termine della guerra. Con l'aiuto della spada magica i Cinesi vennero cacciati, ma a Le Loi sta spada piaceva proprio, faceva proprio bella mostra tra gli arazzi di casa e poi quando andava a passeggio era un bel gingillo da sfoggiare. Un giorno, mentre andava in barca sul lago, scorse una gigantesca tartaruga d'oro sulla superficie, le si avvicinò e questa con una mossa lesta gli sottrasse la spada e si immerse per non tornare mai più.
L'insegnamento che si trae da questa storia non è tanto quello di tenere fede alle promesse fatte, quanto piuttosto di evitare di chiedere spiegazioni sull'etimologia di un nome vietnamita, se non si ha almeno un'ora a disposizione.

Calma e sangue freddo

Hanoi o la si ama o la si odia, ma è molto più facile che la si odi.
Io dico che ha il suo fascino, la sregolata capitale penso non abbia eguali al mondo, qui vige la legge del clacson più forte. Per farvi capire l'aria che tira sull'asfalto vietnamita, tenete presente che il codice della strada non esiste, ma vengono comunque applicate delle regole assodate ed accettate da tutti: ad esempio quando si attraversa un incrocio con un veicolo, non bisogna assolutamente badare alle precedenze e non si deve mai voltare la testa per veder se sopraggiunge qualcuno; solo in questa maniera si riesce ad attraversare incolumi, infatti gli altri veicoli consci del fatto che siete un irresponsabile idiota, saranno costretti a frenare per evitare di andarvi addosso.
NON fate credere loro che siete cauti! Non sono preparati a questo!
E' inoltre ritenuta una pratica di guida prudente (oltre che necessaria per la sopracitata regola), suonare il clacson ogni volta che si supera qualcuno (veicolo o passante), che si attraversa un incrocio, che si parcheggia o che si riparte da una sosta.

L'effetto finale di tutto questo è che la città è una rara miscela di inquinamento acustico condito da un'abbondante spruzzata di monossido di carbonio. Per salvaguardare la salute del vostro sistema nervoso è necessario dimenticare subito il significato che il clacson ha in Italia, qui non è un rimprovero, non è una rabbiosa alternativa ad un improperio, è semplicemente un apostrofo rosa tra un'accelerata e una frenata. Lo testimonia il fatto che i Vietnamiti non sembrano stressati dalla guida, non li ho mai visti arrabbiati o nervosi, nonostante siano apostrofati da strombazzamenti continui.
Tutto questo è sociologicamente molto interessante... fino a quando non dovrete attraversare la strada!
Le larghe vie della capitale sono percorse da un flusso continuo di milioni di scooter che viaggiano spalla a spalla e l'unica maniera di attraversare è semplicemente quello di farlo con passo sicuro a velocità lenta e costante, saranno i motorini a schivare voi, non il viceversa; non fate l'errore di fermarvi in mezzo alla strada, non fate finte, non tornate indietro, rischiereste di mandare in confusione i centauri che sopraggiungono con il solo effetto di venire travolti.

Hanoi

Per quanto riguarda il pernottamento, dopo una frustrante ricerca in Internet, tra centinaia di omonimi e finti hotel sparsi nel caos di Hanoi, alla fine abbiamo alloggiato in un albergo della catena Hong Ngoc, per la precisione quello sito al numero 34 di Hang Manh, accogliente, conveniente ed in pieno centro storico.

Le cartoline del Nord

Nonostante tutto, Hanoi è un'ottima base per organizzare le escursioni nel nord del paese, soprattutto perché ci sono più agenzie viaggi che turisti. La scelta è molto ampia, come ampia è l'escursione che ha la qualità dei servizi offerti. Se poi come noi siete un gruppo di cinque persone, allora per una cifra contenuta potrete affittare un'auto con autista (che in Vietnam è obbligatorio) assieme ad un'efficiente guida biascicante Inglese.

Baia di Halong

Se possedete un libro di fotografie del Vietnam è altamente probabile che abbiate visto ritratta la baia più fotogenica dell'intero paese, la Baia dove il Drago si Inabissa nelle Acque... sì insomma, la Baia di Halong: anche se non l'avete chiesto, la leggenda vuole che un drago abitasse le montagne della zona, ma siccome era abbastanza maldestro, quando correva sbatacchiava la sua coda qua e là, creando poi le meravigliose isole e insenature che oggi sono visibili nella baia. Potrete nuotare nelle acque verde smeraldo e passare anche una romantica notte sulle caratteristiche giunche in legno scricchiolante.

Risaie

Cambiando completamente paesaggio e clima, la regione montana del Sapa ai confini con la Cina offre incantevoli panorami da cartolina, i profili sinuosi delle risaie a terrazza scorrono a perdita d'occhio, scolpendo i declivi dei monti con curve ipnotiche. Le simpatiche e socievoli tribù di montagna, si dedicano alla coltivazione del riso e alla produzione di splendidi tessuti e manufatti, dandovi la possibilità di portare a casa preziosi ricordi. Una curiosità, se durante le vostre passeggiate notate ai bordi della strada coltivazioni sospette, non preoccupatevi, sono proprio quello che sembrano, cioè marijuana: le minute indigene utilizzano infatti proprio la canapa indiana per creare le bellissime stoffe ricamate. Più che consigliarvi di non fumare la vostra nuova borsetta, vi metto in guardia sul fatto che le tinte utilizzate sono naturali e che si trasferiscono con estrema facilità sulle vostre mani, ma peggio ancora sugli altri abiti che nella vostra valigia venissero accidentalmente a contatto con loro.
Il Cat Cat Hotel offre vedute stupende della vallata dalle camere ed è strategicamente collocato all'inizio di tutti i sentieri di trekking.

Sempre tenendo Hanoi come campo base, è possibile in giornata sia raggiungere i colorati templi di Hoa Lu che fare una gita in barca a Tam Coc, dove le donne che remano curiosamente con i piedi, vi faranno passare un paio di ore in mezzo ad un suggestivo e rilassante paesaggio.

Nonostante mi ritenga un veterano del fai-da-te, consiglio a chiunque voglia visitare il nord del paese di affidarsi ad un'agenzia viaggi locale, sarebbe altrimenti impossibile visitare tutti i luoghi descritti in maniera efficiente e con un budget contenuto. Raccomandare un'agenzia ad Hanoi è impresa abbastanza difficile, infatti ne nascono e muoiono in continuazione e, come se non bastasse, non appena una ha un po' di successo, immediatamente ne sbocciano un centinaio con lo stesso nome e persino nella stessa via. Comunque sia, le agenzie sono abituate alle richieste più funamboliche, vi faranno accomodare, vi offriranno il the ed assieme a voi pianificheranno nella maniera più ottimizzata le vostre escursioni.
Volete un esempio di quello che siamo riusciti a fare in cinque giorni?
La mattina del primo giorno un pulmino ci è venuto a prendere all'hotel e ci ha portato al porto di Halong, lì una guida ci ha fatto salire su una giunca diretta alla Baia di Halong dove abbiamo passato la notte; il giorno dopo, un pulmino ci ha riportato ad Hanoi e l'agenzia ci ha imbarcato sul treno notturno diretto a Lao Cai; a Lao Cai un altro pulmino ci ha portato a Sapa, dove nel nostro hotel abbiamo trovato un piccola indigena alta 1 metro e 40 (scarsi) preposta a farci da guida personale per i successivi due giorni; l'ultimo giorno siamo tornati ad Hanoi dove ci aspettava un autista che ci ha portato a Hoa Lu e Tam Coc; la sera, al nostro ritorno ad Hanoi, l'agenzia ci ha imbarcato sul treno diretto nel Vietnam centrale.
Volete provare a fare tutto da soli?
Anche solo comprare un biglietto del treno potrebbe essere un'impresa che rasenta l'impossibile; la cosa che più si avvicina ad una biglietteria vietnamita è la frenesia della compravendita di titoli a Wall Street: ammassati in modo totalmente anarchico e disordinato i Vietnamiti urlano e spingono, protendendo a braccia tese le banconote verso il minuscolo sportello, dove il bigliettaio anche lui urlante, parla solo vietnamita. Voi, in questo contesto, dovete comprare i biglietti per Lao Cai, del treno notturno che parte dopodomani, in cuccetta morbida, con aria condizionata e preferireste condividere con i vostri compagni di viaggio lo stesso scompartimento... buona fortuna!

Tam Coc

L'antico impero

Khe Sanh

Centro culturale ed intellettuale, Hué era l'antica capitale dell'impero della dinastia Nguyen. Le attrattive principali sono l'antica città proibita (purtroppo semidistrutta dai bombardamenti americani), la coloratissima pagoda Thien Mu e ovviamente il pezzo forte, cioè le tombe degli imperatori raggiungibili navigando il Fiume dei Profumi. In questo ultimo caso non affidatevi ai frettolosi tour organizzati, ma andate direttamente al porto ed affittate una barca per tutto il giorno riservandola solamente a voi (si parla comunque di cifre irrisorie).

Devo ammettere però senza vergogna, che la cosa che più mi attirava in questa zona e che avevo attentamente pianificato sin dall'Italia, era un'escursione alla DMZ: tra il 1954 e il 1975 il fiume Ben Hai segnò il confine tra la Repubblica Democratica del Vietnam (a nord) e la Repubblica del Vietnam (a sud) ed attorno ad esso fu creata una zona demilitarizzata (DMZ), atta a fare da cuscinetto fra le due diverse realtà politiche. Contrariamente al suo nome, la DMZ fu in quel periodo la zona più militarizzata al mondo, teatro delle battaglie più feroci della guerra del Vietnam: ancora oggi muoiono persone a causa delle mine antiuomo inesplose e sono chiaramente visibili i danni provocati dagli agenti chimici defoglianti lanciati dagli Americani.
Dopo aver letto Pelle di Leopardo di Tiziano Terzani (corrispondente in Vietnam durante il conflitto), la cosa migliore che possa capitarvi è quella di trovare una guida che abbia vissuto quel periodo, perché al di là dei reperti bellici che vedrete, la cosa più avvincente saranno certamente i racconti di guerra che vi verranno narrati. Per raggiungere questo gratificante obiettivo dovrete avere pazienza, normalmente la vostra guida inizierà esponendo la solita manfrina imparata a memoria, schivando le vostre impertinenti domande con risposte rituali e propagandistiche, ma alla fine se avrete conquistato la sua fiducia potrete avere una reale testimonianza di come era la vita in quel periodo, le famiglie spaccate tra le diverse ideologie politiche, il perché del fallimento degli Americani, le atrocità ed i campi di rieducazione.

Per riprendere un po' di fiato dopo l'adrenalinica Hanoi, l'Hue Heritage Hotel offre un riparo tranquillo e riposante, forse addirittura troppo tranquillo ma dotato comunque di tutti i comfort.

Una città su misura

Continuando il viaggio verso sud, dopo aver fatto una breve escursione al parco nazionale del Bach Ma per un salutare salasso a base di sanguisughe, raggiungiamo una delle più tranquille e graziose cittadine del Vietnam.

Hoi An

Hoi An è una mosca bianca nel panorama delle metropoli vietnamite, le strade del centro sono vietate alle automobili e questo rende passeggiare o pedalare per le silenziose vie, un'esperienza dal sapore antico.
E' possibile visitare molte delle vecchie case in legno, quasi sempre verrete accolti dal padrone di casa che vi offrirà il the e vi racconterà la storia della sua famiglia. Oltre alla sofisticata cucina, alle notti illuminate dalle colorate lanterne, la città è famosa per le sartorie, potrete infatti farvi confezionare un vestito su misura nell'arco di una giornata, per un prezzo assai vantaggioso (io per esempio mi sono fatto un abito da sera in cashmere per soli 35 euro); avrete solo l'imbarazzo della scelta, le sartorie sono numerosissime e l'assortimento di stoffe praticamente illimitato: dovete solo entrare con sottobraccio la vostra rivista di moda preferita, indicare la foto di un abito che vi piace e in 12 ore ne avrete uno identico che vi calzerà come un guanto.

Nei pressi di Hoi An si trova My Son, il principale sito cham del Vietnam dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Anche qui i bombardamenti americani hanno fatto i loro danni, ma cospicui finanziamenti da tutto il mondo (anche italiani), lo stanno riportando lentamente agli antichi splendori. L'atmosfera tribale che si respira assomiglia molto a quella dei famosi siti Maya messicani, quello che cioè lo rende affascinante è la collocazione in mezzo alla foresta pluviale, dove gli antichi palazzi di mattoni rossi conducono una battaglia persa in partenza, per emergere dal verde che li aggredisce.

My Son

Un posto ospitale dove alloggiare a Hoi An, gestito da delle allegre signorine è il Green Field Hotel ...mi rendo conto che detta così sembra un'altra cosa, ma a parte gli scherzi è proprio carino.

Ti è piaciuto fino ad ora il racconto del viaggio?

Prima di continuare nella lettura, seguimi sulla mia pagina Google+ cliccando il pulsante qui sotto!
Oltre a poter vedere tempestivamente le nuove fotografie, avrai l'occasione di leggere le migliori pubblicazioni sui viaggi che raccolgo in giro per la Rete.

 

Sotto il livello del mare

Dopo un lungo trasferimento di 12 ore di pulmino, che ci ha riservato anche simpatici incontri (vedi foto), arriviamo alla parte vacanziera del nostro viaggio. 

Vietnam on the road

Nha Trang è la località balneare più famosa del Vietnam, frequentata non solo dal turismo locale, ma soprattutto dai visitatori benestanti provenienti da tutta l'Asia. La città è in frenetica trasformazione, lungo i sei chilometri del litorale sabbioso si affacciano grandi hotel ed il vivace centro offre passatempi, shopping e ristoranti il cui numero si ha l'impressione cresca a vista d'occhio.
Non è però per le spiagge stile Miami che siamo venuti a Nha Trang, ma bensì per la sua collocazione all'interno di un'area marina protetta, ideale per l'esplorazione dei fondali marittimi.

Hon Mun

E' il sito più frequentato e più vicino al porto, il 90% delle immersioni e delle escursioni snorkeling viene condotta in quest'area, che presenta un fondale corallino molto colorato, ma non particolarmente attraente dal punto di vista della vita pelagica.

Whale Island

E' un posto meraviglioso dal punto di vista naturalistico, per raggiungerlo bisogna farsi un paio di ore di pulmino e poi un paio di ore di navigazione; per questo motivo pochi centri immersioni vi ci porteranno da Nha Trang e la maggior parte di essi vi proporrà una gita di due giorni con pernottamento sul posto. Il fondale non è niente di speciale, ma i paesaggi e il mare turchese gratificano la fatica della gita di un giorno.

Diamond Head

Le migliori pareti sottomarine viste durante il nostro soggiorno, solo che anche in questo caso, data la distanza di navigazione, abbiamo trovato solo un diving che aveva questa immersione in catalogo.

Electric Noise

Questa è senza dubbio, vox populi, la migliore immersione di Nha Trang.
Raggiunti tre isolotti affioranti in alto mare, ci si spinge in profondità (oltre i 40 metri) seguendo il profilo del più piccolo; arrivati sul fondo meravigliosi alcionari gialli abbelliscono le pareti a strapiombo, mentre complice la forte corrente, numerosi pesci accompagnano la vostra immersione. Purtroppo la più bella immersione di Nha Trang è anche la più difficile a causa delle condizioni del mare, della corrente, della profondità e delle inevitabili soste di decompressione.

Molti sono i diving in città, pochi dei quali vanno oltre Hon Mun, quei pochi vi propongono in alternativa Electric Noise e al massimo una gita di due giorni a Whale Island. Fra tutti abbiamo trovato il Blue Diving Club (www.vietnam-diving.com), di proprietà di una coppia di simpatici Francesi, l'unico da quello che ho visto ad offrire un nutrito catalogo di immersioni e la possibilità di fare una gita di un solo giorno a Whale Island.

Per dormire ci siamo divisi in due gruppi, quelli che volevano trattarsi bene e quelli che volevano trattarsi benissimo. I primi sono andati al Yasaka Saigon Resort, un resort a 4 stelle frequentato da una clientela giovane e festaiola (se siete attirati dal fascino delle ragazze vietnamite, la discoteca al pian terreno è un must). Il secondo gruppo invece ha soggiornato al Sunrise Beach Resort, 5 stelle per una clientela più sofisticata (tanto per capire, appena arrivati ci hanno offerto un buffet di ostriche e formaggi francesi).

L'altra faccia della medaglia

Saigon, l'ex-capitale del Vietnam del Sud, ribattezzata dal Nord con il nome di Ho Chi Minh City (anche se gli abitanti continuano a chiamarla con il vecchio nome) ha un'anima molto differente dalla sua gemella settentrionale. Qui è chiaramente palpabile la rivoluzione economica in atto, la città è tutta un cantiere dove i nuovi grattacieli fanno a gara a chi arriva più in alto, ristoranti esclusivi si affacciano lungo le moderne strade del distretto di Dong Khoi e, seduti sui tavolini dei caffè all'aperto, giovani colletti bianchi smanettano freneticamente sui loro computer portatili.

Cholon

Per abbandonare momentaneamente la modernità e ritrovare il Vietnam ancestrale, bisogna spostarsi nel distretto numero 5, cioè nel quartiere cinese di Cholon, dove è possibile visitare le più belle pagode di tutto il Vietnam, fermandosi di tanto in tanto a bere un succo di frutta rinfrescante. Per gli appassionati dei temi legati al conflitto del Vietnam, è d'obbligo la visita al Museo dei Residuati Bellici, oltre che un giro attento al mercato di Dan Sinh dove è possibile acquistare a piacimento vecchie piastrine militari o in alternativa un AK47.

Per dormire abbiamo preferito stare nel quartiere di Dong Khoi, per la vicinanza ai migliori ristoranti e locali notturni. Il Grand Hotel Saigon è uno albergo storico della città, ci siamo stati una notte e non c'è che dire, molto bello e molto caro. Per i giorni successivi ci siamo trasferiti poco distante al Kimdo Royal Hotel, sempre alto livello ma prezzo nettamente più basso. Entrambi gli hotel sono dotati dell'onnipresente centro massaggi... massaggi di ogni tipo.

Tenendo come base Saigon, in giornata si può fare un'interessante gita a Tay Ninh per vistare il tempio di una delle più insolite e disneyane sette che esistano al mondo, i Cao Dai. Il tempio che sembra fatto di glassa e che probabilmente a lungo provoca la carie, riunisce un eccentrico stuolo di fedeli che venerano un misto di buddismo, taoismo, confucianesimo e un pizzico di Lenin.

Cao Dai

Ogni giorno si tengono due funzioni alle quali è possibile assistere, anzi sono stracolme di turisti guardati a vista dalle severe guardiane in tunica bianca. Riuscire a scattare una foto può sembrare un'impresa sovrumana ma non disperate, la funzione dura almeno un'ora e i turisti tendono ad averne abbastanza dopo i primi 15 minuti, così se avrete la pazienza di aspettare, al termine sarete soli e le guardiane premieranno la vostra dedizione al Dio della camera oscura, permettendovi l'accesso a zone riservate e lasciandovi fotografare i fedeli (cosa di solito vietatissima).
Sulla strada del ritorno ci si può fermare a visitare le gallerie Viet Cong di Cu Chi, che a differenza di quelle di quelle civili di Vinh Moc nella DMZ, erano utilizzate dai guerriglieri durante i combattimenti (sconsigliate a chi soffre anche lontanamente di claustrofobia).

Vita fluviale

Le risaie del pianeta

Tra i primi esportatori di riso al modo, il Vietnam ricava la maggior parte del prodotto dalle risaie che si estendono lungo il delta di uno dei fiumi più lunghi della terra, il Mekong.
Vale sicuramente la pena di organizzare da Saigon una gita di un paio di giorni lungo il delta, soprattutto per andare a curiosare sugli stili di vita delle popolazioni e sul loro intimo rapporto con il corso fluviale; per quanto il suo colore possa sembrare poco invitante ai nostri occhi, l'acqua che scorre lungo i villaggi viene utilizzata per lavare, bere e cucinare (non so come abbiamo fatto a sopravvivere).
Preparatevi dunque ad un'overdose di fiume poiché da esso si ricava tutto, anche il cibo che viene servito nei ristoranti di Can Tho: il menu prevede diversi tipi di pesce, serpente e persino topo.
Il Saigon Can Tho Hotel è senza infamia e senza lode, camere pulite e ovviamente... centro massaggi. 

Se avete modo tentate di non partecipare ad escursioni di gruppo, per vedere e vivere appieno i mercanti galleggianti del Mekong, l'ideale infatti è avere una guida privata che vi porti nei posti giusti e all'orario giusto. Vedevo da lontano folti gruppi di turisti ammassati sui tetti di grosse chiatte fotografare dall'alto, mentre noi accompagnati in solitaria da una signora con la sua piccola barchetta siamo andati a gironzolare agilmente tra le barche del mercato.
Di questo dobbiamo ringraziare il sergente Hung (nome inventato per non rischiare di metterlo nei guai), veterano dell'esercito del Sud durante la guerra del Vietnam, che ha assecondato le nostre richieste (oltre che obbligarci a fare sosta in tutte le bettole da Saigon a Can Tho via Ben Tre).

Vorrei dedicare un paio di righe a questo curioso personaggio, dal quale abbiamo avuto modo di attingere interessanti opinioni sul conflitto. Il sergente Hung confessa candidamente che il sud non aveva speranze di vincere la guerra e ci espone la sua teoria che è di una disarmante semplicità: la causa del fallimento non è dovuta alle errate strategie militari o alle fallaci alleanze internazionali, ma semplicemente al fatto che gli alti ufficiali dell'esercito del Sud erano sposati con donne di origine contadina, dunque comuniste. Quando i mariti la mattina andavano a combattere, le mogli chiedevano loro "Dove vai oggi caro?" e quando avevano l'informazione comunicavano direttamente ai Viet Cong gli spostamenti dell'esercito regolare.
"Quanto è stato in guerra signor Hung?" gli chiedo.
"Sette anni!" mi risponde orgoglioso.
"Beh, è molto fortunato a poterlo raccontare oggi!"
Lui sorridente alza la mano destra e dice "Devo ringraziare questo!" facendomi vedere che gli manca il dito indice; "Quando se ne sono andati gli Americani, i miei superiori avevano deciso di mandarmi in Cambogia ed io sapevo che da lì non sarei tornato vivo; così ho preso coraggio, mi sono amputato il dito che usavo per sparare e sono stato riformato."

Mercato galleggiante

Giunti ormai al termine di questo lungo viaggio, ci concediamo un paio di giorni a Saigon a farci coccolare dalle massaggiatrici e per fare un po' di bagordi nelle notti trasgressive dell'Apocalypse Now (una delle discoteche più famose della città).
Di questo paese mi resta il piacevole ricordo della sua gente ospitale, della sua grande storia antica e di quella tragica più recente; auguro dunque a questo fiero popolo tutto il bene che si meritano... che sarebbe ora.

Ti è piaciuto il diario del viaggio?

Segnala il tuo apprezzamento cliccando il pulsante qui sotto!
Mi aiuterai così a diffonderlo sul web.

 
Galleria Fotografica del Viaggio

Sei il lettore numero 126.924.

Commenti e domande

comments powered by Disqus
Licenza Creative Commons
Le fotografie, i video, la grafica e i testi di Andata/Ritorno sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Articolo precedente

Articolo precedente

Svezia, dove tutto ebbe inizio

Articolo successivo

Roatan (Honduras), relax senza tentazioni

Articolo successivo

Hong Ngoc 2 Hotel

La ricerca in Internet di un hotel ad Hanoi è estremamente frustrante, ci sono centinaia di omonimi e finti hotel sparsi nel caos della città. Questo fa parte di una omonima catena, è accogliente, conveniente ed in pieno centro storico.

Cat Cat Hotel

Nella regione del Sapa questo economico hotel offre vedute stupefacenti dalle finestre delle camere e si trova all'inizio di tutti i percorsi di trekking.

Hue Heritage Hotel

Questo hotel a Hue offre un riparo tranquillo e riposante (ne avrete bisogno dopo Hanoi), forse addirittura troppo tranquillo ma dotato comunque di tutti i comfort.

Green Field Hotel

Appena fuori dal centro di Hoi An (raggiungibile velocemente a piedi), questo è un posto ospitale e carino dove alloggiare, gestito da un esercito di signorine che tengono a stecchetto i pochi dipendenti maschi.

Sunrise Beach Hotel

A Nha Trang ci siamo divisi in due hotel: questo era il più lussuoso (per essere un 5 stelle aveva comunque un prezzo molto accessibile). Appena arrivati ci hanno offerto un buffet a base di ostriche, formaggi francesi e champagne (non sto scherzando).

Yasaka Saigon Resort

L'altro hotel dove metà del nostro gruppo ha soggiornato a Nha Trang è meno lussuoso (si per dire perché sono comunque 4 stelle), ma è frequentato da una clientela più giovane e festaiola.

Grand Hotel Saigon

Ci siamo presi un po' tardi con l'hotel di Saigon e abbiamo sottovalutato l'afflusso di gente che arriva ogni giorno in questa frenetica metropoli. Di conseguenza per i primi due giorni ci siamo presi il primo hotel che abbiamo trovato libero in Internet: ci siamo dovuti "accontentare" di una suite in questo storico hotel... non vi dico la cifra che abbiamo speso, mi brucia ancora.

Kimdo Royal Hotel Saigon

Dopo il salasso del primo hotel di Saigon, con calma ce ne siamo cercati un altro sul posto e siamo finiti in questo. Poco distante dal precedente, in pieno distretto Dong Khoi, per un prezzo molto più ragionevole avrete questo hotel di alto livello fornito di tutti i comfort, compreso l'onnipresente centro "massaggi".

Saigon Can Tho Hotel

Di solito si arriva alla sera a Can Tho, in modo da potersi svegliare presto la mattina e visitare i mercati galleggianti. Questo hotel da fuori non gli daresti due lire, ma è molto frequentato dalla clientela asiatica, ha un centro benessere con sauna (compresa nel prezzo della camera) e massaggiatrici "gentili".

Dove ho dormito durante il viaggio?

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
Ti piace questo sito? Idea R: Web Design, Web Marketing, Web Analysis & Social Media Strategies

Potrebbero interessarti

India del Nord, l’anno prossimo magari

India del Nord, l’anno prossimo magari

L’India mi ha sempre attirato e respinto allo stesso tempo, ma non potevo rimandare oltre. Ecco senza censure ciò che ho amato e ciò che ho odiato.

Kalimantan, se non è avventura questa!

Oranghi, coccodrilli, sanguisughe... scopriamo assieme il Kalimantan (Borneo indonesiano) per vivere la più esotica avventura della nostra vita.

Ultimi pubblicati

Le Galapagos senza un mutuo

Le Galapagos senza un mutuo

Come andare alle Galapagos risparmiando anche il 70% sul costo di un viaggio organizzato. Trucchi e consigli che dovete assolutamente conoscere.

Lisbona, saúde!

Breve weekend nella magnifica e forse sottovalutata Lisbona. Calore latino, clima temperato e tanto buon vino: cosa si può volere di più?

I più letti

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Lontano dalle abituali rotte del turismo messicano, visitiamo le più belle città coloniali del Messico e partecipiamo assieme alle fiere paesane.

Sulawesi, vacanza con il morto

Avventura fai-da-te in una delle isole più grandi e sconosciute dell'Indonesia, tra insoliti riti funerari e meravigliose immersioni subacquee.

Scelti dalla redazione

Bangkok, venghino signori, venghino!

Bangkok, venghino signori, venghino!

Iniziamo il viaggio in Thailandia partendo dalla sregolata capitale. Riusciremo a resistere a tutte le tentazioni? A tutte sicuramente no...
120x600 2015
Viaggio in Borneo

Torna all'inizio