L'iscrizione può essere disdetta in qualsiasi momento, seguendo le istruzioni riportate in calce ad ogni newsletter.

Chiudi Chiudi

Chiudi Chiudi

Booking.com
Svezia, quattro maghi a Stoccolma

Svezia, quattro maghi a Stoccolma

Data del viaggio: Luglio 2006
Pubblicato il 18/11/2006
Località: Europa, Svezia

Lo strano titolo non nasconde nessuna metafora, vi racconterò infatti la vera storia di quattro maghi che se ne andarono insieme a Stoccolma. La storia inizia parecchio tempo fa, più di vent’anni addietro, quando tre persone le cui vite non si erano mai incrociate prima di allora, ebbero l’occasione di conoscersi a causa di una passione che le accomunava: la prestidigitazione. Da allora tanta acqua è passata sotto ai ponti, la loro comune passione ha subito alti e bassi, ma sono comunque sempre rimasti in contatto e non hanno mai smesso di apprendere ed esercitarsi. Uno di questi tre maghi sono ovviamente io, per quanto mi riguarda gli anni più fiorenti dal punto di vista magico/creativo sono stati tra il 1990 e il 1995, in quegli anni mi sono divertito moltissimo, ho vinto addirittura un paio di concorsi internazionali e poi è successo che.. sono “diventato adulto”, nel senso che ho terminato gli studi, ho iniziato a lavorare ed il tempo a mia disposizione per fissare il vuoto ed inventare nuovi giochi si è drammaticamente ridotto. Con questo non vuol dire che mi sono fermato, anzi ho continuato ad amare lo spettacolo, soprattutto non ho mai smesso di fare teatro (seconda grande passione)... ed è stato proprio il teatro a darmi la grande occasione di cui vi parlerò.
Tre anni fa Gigi e Andrea (il nome degli altri due maghi) assieme a Martina (maga per cause di forza maggiore) hanno deciso di provare quasi per scherzo a creare un numero di illusionismo, una delle forme magiche più dispendiose sia in termini pecuniari che di messa in scena. Bisogna dire infatti che le nostre esibizioni fino ad allora si erano sempre limitate a numeri di close-up (magia fatta a distanza ravvicinata) e parlor magic (cabaret magico). Il problema di creare un numero di illusionismo è appunto quello che di solito le attrezzature necessarie costano parecchie migliaia di euro (non il solito mazzo di carte in tasca e via!) e soprattutto tale forma di spettacolo richiede una regia precisa e uno studio approfondito dello spazio scenico, diciamo che non ci si può proprio improvvisare illusionisti.

FISM

Martina, Gigi e Andrea avevano dunque due problemi da risolvere, il primo, quello monetario, bisogna dire che l’hanno risolto brillantemente, hanno rispolverato un antico trucco dimenticato, vecchio di almeno cent’anni, quello dove una scatola levita e ad un certo punto da essa, in aria, esce una ragazza; ma la grande idea è stata quella di realizzare il tutto con l’umilissimo cartone.
Per il secondo problema, quello della regia, Martina, Gigi e Andrea si sono chiesti: “Chi conosciamo noi, che oltre ad essere un mago di vecchia data, abbia anche le competenze teatrali per farci la regia?” ...e voilà! Così sono entrato in gioco io.
Innanzitutto ci mancava un nome, “Signore e Signori, ecco a voi Igor, Martina, Gigi e Andrea!” era effettivamente un po’ troppo lungo... aspetta un attimo... se uniamo le nostre iniziali viene fuori... fichissimo, sembra quasi l’abbiamo fatto apposta! Senti un po’: “Signore e Signori... I. Ma.Gi.A.!!!!”
Per farvela breve da allora ci siamo esercitati veramente tanto, il numero dall’idea originale è evoluto in imprevedibili direzioni, abbiamo fatto centinaia, se non migliaia di ore di prove e di chilometri (abitiamo in quattro città diverse), Martina, Gigi e Andrea hanno subito silenziosamente tutte le mie angherie di regista/dittatore e alla fine abbiamo timidamente incominciato a mostrare il nostro numero in giro. Visto che ci sembrava riscuotesse successo, ad un certo punto ci siamo detti “Perché non lo presentiamo ad un concorso internazionale per professionisti? Magari non ci sbattono fuori a calci!”.

FISM

Detto, fatto, in men che non si dica abbiamo vinto un primo premio, più un premio speciale della giuria per l’originalità.
Allora ci siamo detti: “Ogni tre anni viene fatto il più grande concorso internazionale per prestigiatori, il FISM, guarda caso tocca proprio l’anno prossimo e tra l’altro il paese ospitante non è neanche esageratamente lontano... che dite, facciamo questa pazzia, ci proviamo?”.
Avrete ormai capito che il paese ospitante “The FISM World Championship of Magic 2006” era la Svezia ed ecco la spiegazione del titolo di questo racconto, quattro ragazzi (magari non anagraficamente, ma come spirito sicuramente sì), mettono assieme la loro passione, le loro povere scatolette di cartone, i loro risparmi e vanno a sfidare i big mondiali della magia.
Mi piacerebbe, come in qualsiasi pellicola Hollywoodiana che si rispetti, raccontarvi che questi quattro maghi hanno vinto e sono tornati a casa pieni di denaro e riconoscimenti, ma anche se non è andata proprio così, hanno ricevuto le loro belle soddisfazioni. Come in tutti i concorsi di tipo artistico, il giudizio è affidato alla soggettività dei giurati ed al loro gusto personale, non è certo come una giuria di salto in lungo, che si limita a misurare con un metro il salto degli atleti e il vincitore alla fine è semplicemente quello che è saltato più lontano. Io ancora oggi sono convinto che il nostro numero, tra i 150 iscritti, era il migliore. Sicuramente era tra i più originali, quello che presentava un modo nuovo di fare illusionismo, diverso dal classico mago stile Las Vegas che si limita a fare un effetto dietro l’altro, il tutto privo di qualsiasi coerenza drammaturgica. Prova ne è stata che appena abbiamo finito la nostra esibizione, nemmeno il tempo di andare in camerino a cambiarci, una televisione spagnola ci ha immediatamente offerto un contratto (e l’hanno offerto solo a noi!). Insomma ci siamo divertiti, le televisioni ci intervistavano (persino quella cinese), la gente ci chiedeva autografi e chiunque ci incontrasse durante la settimana del congresso ricordava il nostro numero (credetemi, non è facile rimanere impressi nella memoria di migliaia di congressisti, quando si vedono 30 numeri al giorno).
Ah, per la cronaca, siamo arrivati quinti.

FISM

Io parlo e parlo, ma percepisco molti mormorii e sento che vorreste farmi molte curiose domande; vediamo se riesco a rispondere alle più frequenti...

Come si fa a partecipare al concorso del FISM?

Per partecipare al concorso bisogna avere già vinto dei premi internazionali ed il proprio modulo di adesione deve essere controfirmato da una personalità riconosciuta internazionalmente in ambito magico.

E se volessi solo assistere come spettatore?

Purtroppo il FISM è riservato solamente ai prestigiatori, per potersi iscrivere bisogna a sua volta essere iscritti ad una delegazione nazionale (in Italia è il C.M.I.), che a sua volta richiede che il socio sia stato iscritto ad una delegazione regionale da almeno nove mesi.
In compenso una sintesi del FISM viene trasmessa in mondovisione... purtroppo non in Italia.

FISM

Ma insomma! Almeno dicci cosa accade in un congresso di maghi!

Se vi state immaginando le più grandi stranezze, probabilmente siete ancora lontani dall’indovinare le cose inusuali che accadono, tavolini che volano, monete che si smaterializzano, carte che appaiono, il tutto all’interno di una macchina organizzativa che unisce migliaia di prestigiatori da ogni angolo del pianeta: è possibile assistere al fantomatico concorso che è secondo me la vera anima della manifestazione, si possono seguire le conferenze dove eminenti artisti di fama internazionale svelano i loro trucchi, ci si può perdere nelle fiere magiche e dissanguare il proprio portafogli per acquistare le ultime novità, oppure si può semplicemente partecipare alle serate di gala che si tengono ogni sera e che portano sul palcoscenico i migliori maghi del mondo.

FISM

Tra maghi vi svelate i trucchi?

Non sempre, ma di certo una delle parti più interessanti avviene al di fuori del congresso, quando stanchi ci si siede a prendere un caffè in compagnia oppure quando la sera ci si riconosce in qualche bar: è in queste occasioni che salta fuori il mazzo di carte, onnipresente nella tasche di tutti i congressisti e si improvvisano le cose più disparate. Posso tranquillamente dire che in più di vent’anni di magia, le cose più interessanti non le ho imparate alle conferenze, ma ai tavoli dei ristoranti.

Beh dai, spiegaci almeno il trucco della donna segata in due...

Se mi avessero dato 1 euro per ogni volta che me lo hanno chiesto, oggi starei scrivendo questo reportage seduto su una sdraio nella mia spiaggia privata ai Caraibi.
Va beh, solo perché siete voi... sapete tenere un segreto? Si? Purtroppo anch’io...

Stoccolma

Concludo. E’ stata una grande avventura e anche una spensierata vacanza, non ci siamo fatti mancare né gli spettacoli, né il merluzzo svedese, abbiamo visitato questa bella città nordica, portando alla fine a casa emozioni, immagini e ricordi che ci rimarranno indubbiamente per tutta la vita.
L’unica cosa che ci dispiace è che purtroppo la magia in Italia è ritenuta una forma artistica di serie C, praticamente equiparata ai saltimbanco che girano per le città con la grancassa sulla schiena, i piatti tra le ginocchia e l’armonica in bocca. Da noi la magia è identificata dal gran pubblico come Giucas Casella o il Mago Casanova, che si ridicolizzano in televisione facendo improbabili esperimenti o sbagliando appositamente i propri trucchi per avere cinque minuti di gloria.
Il triste paradosso di tutto questo è che grazie al FISM, che è stato trasmesso dalle televisioni di tutto il mondo, abbiamo ricevuto ingaggi da ogni dove e stiamo vivendo un’emozionante notorietà... dappertutto... tranne che nel nostro paese.

Immagino siate curiosi, se volete vedere la registrazione fatta a Stoccolma del nostro spettacolo, visitate la pagina dei fan su Facebook.

Vuoi vedere altre foto scattate in giro per il mondo?

Oltre alle foto che vedi un questo articolo ne ho tantissime altre.
Visita la pagina Pinterest della mia web agency cliccando il pulsante qui sotto e poi seguimi per rimanere sempre aggiornato!

Galleria Fotografica del Viaggio
1/292/293/294/295/296/297/298/299/2910/2911/2912/2913/2914/2915/2916/2917/2918/2919/2920/2921/2922/2923/2924/2925/2926/2927/2928/2929/29
Clicca sull'immagine per vedere la successiva
The FIMS World Championship of Magic

The FIMS World Championship of Magic

Vedi anche

Quattro maghi in Cina

Continua l'avventura dei nostri 4 illusionisti. Con l'occasione della loro tournée, visiteremo la Cina e le sue innumerevoli contraddizioni.

Svezia, dove tutto ebbe inizio

Questa volta i nostri amici illusionisti si recano in Svezia, là dove un anno prima tutto ebbe inizio...

Romania, quattro maghi fra i Vampiri

Quattro illusionisti si preparano ad affrontare il campionato del mondo. L'evento Miss Italia nel Mondo è l'occasione giusta per le prove generali.

Sei il lettore numero 22.495.

Commenti e domande

comments powered by Disqus
Licenza Creative Commons
Le fotografie, i video, la grafica e i testi di Andata/Ritorno sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Articolo precedente

Articolo precedente

Romania, quattro maghi fra i Vampiri

Articolo successivo

Venezia, il carnevale libertino

Articolo successivo

Hotel Tegnerlunden

4/5

E' collocato strategicamente vicino alla stazione ferroviaria ed all'estremità nord della zona pedonale.
La mattina è un piacere fare colazione all'aperto sulla cima del palazzo, dominando i tetti della città

Dove ho dormito durante il viaggio?

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
Ti piace questo sito? Idea R: Web Design, Web Marketing, Web Analysis & Social Media Strategies

Potrebbero interessarti

Atene, il sole a dicembre

Atene, il sole a dicembre

Dove cercare il caldo in Europa a dicembre? Dove mangiare bene, degustare buoni vini ed essere circondati dalla cultura? Ad Atene ovviamente!

Svezia, dove tutto ebbe inizio

Questa volta i nostri amici illusionisti si recano in Svezia, là dove un anno prima tutto ebbe inizio...

Ultimi pubblicati

Il Myanmar a piedi scalzi

Il Myanmar a piedi scalzi

Dopo anni di dittatura militare il Myanmar si apre al turismo in tutto il suo splendore. Vediamo assieme cosa non dovete assolutamente perdervi.

Ko Tao, Ko Phangan o Ko Samui? In quale andare?

Quale scegliere fra Ko Tao, Ko Phangan e Ko Samui? Per scoprirlo ci sono dovuto andare. Forse questo è l'articolo che stavi cercando.

I più letti

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Messico del Nord, un mestiere pericoloso

Lontano dalle abituali rotte del turismo messicano, visitiamo le più belle città coloniali del Messico e partecipiamo assieme alle fiere paesane.

Sulawesi, vacanza con il morto

Avventura fai-da-te in una delle isole più grandi e sconosciute dell'Indonesia, tra insoliti riti funerari e meravigliose immersioni subacquee.

Scelti dalla redazione

Kalimantan, se non è avventura questa!

Kalimantan, se non è avventura questa!

Oranghi, coccodrilli, sanguisughe... scopriamo assieme il Kalimantan (Borneo indonesiano) per vivere la più esotica avventura della nostra vita.

Le Galapagos senza un mutuo

Come andare alle Galapagos risparmiando anche il 70% sul costo di un viaggio organizzato. Trucchi e consigli che dovete assolutamente conoscere.
Viaggio in Borneo

Torna all'inizio